Inserire il ponte del Diavolo tra i “Luoghi del cuore del Fai”: a Manziana la campagna di sensibilizzazione per tutelare l’opera

225

Dopo l’incontro dello scorso 7 giugno tra il Sindaco di Manziana, Bruno Bruni e la Soprintendente del Lazio e dell’Etruria meridionale, Alfonsina Russo, prosegue la campagna di inserimento del ponte del Diavolo tra “I Luoghi del cuore del Fai”.

Il ponte, realizzato probabilmente intorno al I sec. a.C, lungo il percorso che collegava l’antica Via Clodia con le attuali Terme di Stigliano, sorge proprio a cavallo del confine che separa i Comuni di Canale Monterano e Manziana.

Proprio per questo si sta cercando di avviare un percorso che veda coinvolte entrambe le Cittadinanze al solo scopo di tutelare questo importante bene storico-archeologico che versa in condizioni critiche. 

Il Comune di Manziana ha già inviato richiesta formale di adesione alla campagna sia al Comune che all’Agraria di Canale Monterano ed ora è in attesa di un riscontro.

L’occasione che il Fai ci mette a disposizione è davvero preziosa – dichiara il Sindaco di Manziana, Bruno Bruni – Se tutti noi, Cittadini e rappresentanti delle Istituzioni, daremo il nostro contributo potremo concretamente fare qualcosa per salvare il ponte e al contempo le nostre radici storiche. Sono convinto che su tematiche di questa rilevanza non ci saranno colori, bandiere politiche o di
appartenenza comunale che potranno dividerci. Il ponte ricade sia sul territorio del Comune di Canale Monterano che su quello di Manziana: se canalesi e manzianesi riusciranno ad unirsi su questa tematica, dedicando qualche minuto della propria giornata a votare il Ponte come luogo del cuore del Fai faremo solo del bene al nostro territorio ed alla sua storia.”

Viste anche le difficoltà segnalate dai Cittadini nel procedere con la votazione on line, il Comune di Manziana ha ottenuto la possibilità di raccogliere i voti in modalità cartacea (con la classica raccolta firme ma su moduli ufficiali), costituendo un Comitato Locale formalmente riconosciuto dal FAI al quale hanno già aderito realtà territoriali locali come l’Università Agraria di Manziana, la sezione
di Manziana del Gruppo Archeologico Romano, l’Associazione Il Mascherino e la cooperativa sociale Lymph@.

In attesa della comunicazione ufficiale di adesione da parte della Soprintendenza, va specificato che il Comitato è aperto a tutti: singoli Cittadini, associazioni, imprese e Istituzioni.

Se il ponte del Diavolo dovesse risultare tra i luoghi del cuore più votati in Italia potrebbe essere oggetto di un contributo da parte del Fai pari ad un massimo di 50mila euro.

Al momento, i cittadini sensibili alla tematica possono recarsi al Comune di Manziana (Largo G. Fara) tutti i giorni: il lunedì, il martedì, il mercoledì, il giovedì e venerdì dalle 10 alle 12 e il lunedì e giovedì dalle 15 alle 17.

Presto verrà inoltre reso pubblico il calendario dei banchetti che verranno allestiti per le vie del paese per la raccolta delle firme e a settembre partiranno anche una serie di incontri nelle scuole.

Resta ovviamente attivo anche il canale web: per votare il Ponte del Diavolo tra i luoghi del cuore, sarà possibile esprimere la propria preferenza fino al 30 novembre 2016 cliccando sul link iluoghidelcuore.it/luoghi/82188.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui