16 Aprile, 2024
spot_imgspot_img

Cerveteri riconosce la Cittadinanza Attiva ai Massari Caeretani e alle Ass. Animaliste

“Possiamo contare su un tessuto sociale estremamente attivo – ha detto Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri – l’associazionismo è una delle principali risorse della nostra città e sul lavoro instancabile di tanti volontari si realizzano alcune tra le più importanti iniziative del territorio”.
L’Amministrazione comunale di Cerveteri ha conferito, nel corso del Consiglio comunale di ieri, un riconoscimento formale ad alcune associazioni che si sono particolarmente distinte per meriti civici e culturali, e per il senso civico e l’alta utilità del servizio reso al territorio, come si legge sulla pergamena.
“È un encomio più che meritato – ha detto il Sindaco – che vuole significare la gratitudine della nostra Città per l’opera dei volontari. Ci teniamo anzi moltissimo, nuovamente, cogliere l’occasione per ringraziare tutte le associazioni, culturali, sportive e ambientaliste, impegnate nel territorio”.
“Le associazioni Animaliberi Onlus, Dammi la Zampa e Amore Randagio – ha detto Roberta Rognoni, Consigliera comunale e Delegata ai Diritti degli animali – realizzano ogni giorno le fondamenta su cui si concretizza l’azione del Comune di Cerveteri per la tutela dei diritti degli animali. Nel biennio 2012-2014, grazie alla loro collaborazione, insieme alla Polizia Locale e alla Asl Veterinaria di Bracciano, è stato possibile regalare una nuova vita a più di 60 animali, portati fuori dai canili e affidati a famiglie amorevoli.
È stato un lavoro faticosissimo ma fatto sempre con grande passione. I temi del randagismo, dell’abbandono e dei maltrattamenti, sono piaghe purtroppo presenti anche sul nostro territorio. Problemi che, insieme, possiamo risolvere”.
Il riconoscimento di Cittadinanza Attiva è stato conferito anche all’associazione dei Massari Caeretani, una delle più antiche di Cerveteri, che da lunghissimo tempo organizza ogni 17 gennaio la festa di Sant’Antonio Abate.
“Ai Massari Ceretani – ha detto il Sindaco – oltre ai complimenti per il grande successo della Festa di Sant’Antonio, che quest’anno ha portato nel nostro centro storico una spettacolare sfilata di quasi cento cavalli, va il profondo riconoscimento per aver recuperato e valorizzato la celebre Cupola di Sant’Antonio, o Cuppoletta come la chiamano i Cerveterani, dove hanno inizio, con la Benedizione del Fuoco, proprio i tradizionali festeggiamenti del Santo. Un patrimonio storico e artistico che appartiene profondamente alla nostra Città e che deve, a pieno titolo, essere citato tra i principali siti artistici di Cerveteri”.

Ultimi articoli