Trevignano e Bracciano non hanno ancora deliberato le aliquote della Tasi

131

Solo uno su quattro degli oltre 8000 comuni italiani hanno deliberato le aliquote Tasi e quindi nei comuni ritardatari l’imposta si pagherà a ottobre, sempre che i comuni abbiano pubblicato le delibere con le aliquote entro il 10 settembre, altrimenti si pagherà a dicembre con l’aliquota base dell’1 per mille.

Trevignano Romano e Bracciano sono tra i Comuni ritardatari. Un trasferimento dello Stato, pari al 50% circa del gettito annuo previsto dovrebbe evitare grosse difficoltà ai Comuni. In ogni caso, il 16 giugno erano comunque in scadenza nei due Comuni l’Imu sulle seconde case e a Trevignano la prima rata della Tari (nuovo nome della tassa sui rifiuti) e gli arretrati dell’acqua a Bracciano.

Ma perché tanti Comuni non sono riusciti a elaborare il regolamento con le aliquote della Tasi? “E’ una situazione, non complicata, ma complicatissima” risponde Giuliano Sala, sindaco di Bracciano. Intanto, si ricorda che la Tasi è il tributo per cosiddetti servizi indivisibili col quale i comuni devono finanziare servizi locali quali illuminazione pubblica, manutenzione delle strade e del verde cittadino e asili nido comunali. Pertanto bisogna quantificare l’ammontare di tutti questi servizi e, aspetto ancora più complesso, stabilire le detrazioni, ovvero, quale aliquota attribuire a una casa data in comodato gratuito al figlio del proprietario, per esempio, o ancora quale quota attribuire al proprietario di un edifico e quale al locatario. Vanno esaminate con molta attenzione tutte le situazioni, una per una, e si deciderà tenendo conto dei costi, ovviamente, cercando nel contempo di venire incontro alle esigenze dei cittadini. Verrà quindi redatto un regolamento comunale e si faranno le simulazioni per capire bene quale sarà la ricaduta sui cittadini e sulle casse comunali.
Soprattutto è importante la chiarezza; è sempre più difficile districarsi tra tutte queste sigle che cambiano ogni momento, tanto che si ha l’impressione di pagare più volte la stessa imposta con una sigla diversa.

Alessandra Lombardi

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui