15 Giugno, 2024
spot_imgspot_img

Bracciano e l’infiorata, stavolta senza Giove pluvio

La pioggia quest’anno non è riuscita a rovinare a Bracciano la realizzazione della tradizionale Infiorata, che fa da cornice alla solennità del Corpus Domini da più di quarant’anni. Così sotto il coordinamento delle maestranze del Rione Borgo, primi e originari ideatori dell’atteso appuntamento, un’ondata di petali colorati ha fatto da cornice al corteo processionale che, oltre le 19.30, ha iniziato a snodarsi nelle strade e nelle piazze del centro cittadino. Con il supporto degli uomini dell’associazione nazionale volontari Carabinieri Protezione Civile, la processione partendo dal Duomo Santo Stefano P.M. ha attraversato via Umberto I per poi sostare in Piazza IV Novembre, davanti all’ingresso del Municipio, dove anche gli esponenti dell’amministrazione comunale hanno fatto trovare un piccolo quadro floreale, successivamente i fedeli hanno raggiunto con il Santissimo piazza Dante, per un’altra sosta di preghiera e adorazione di fronte alla scuola elementare Tommaso Tittoni e anche qui fiori e disegni in terra. Successivamente la processione si è in camminata verso via Salvatore Negretti, la via principale dell’Infiorata, rallegrata da un susseguirsi di colori e disegni, frutto del sapiente e meticoloso lavoro di decine di persone di ogni età, che dalle prime ore del mattino chini sulla strada hanno accostato petali, riso, sale e segatura per comporre al meglio i diversi ed originali disegni ideati per l’occasione. L’infiorata ha visto anche quest’anno l’impegno allegro e congiunto di numerose associazioni ed enti quali: Arvas- San Vincenzo, Unitalsi, la scuola primaria dell’ic Bracciano, rappresentata dalla classe 5D, i gruppi parrocchiali del catechismo, il gruppo Camminare per unire, i Rioni Cartiere e Monti, la pro loco, le parrocchie di Vigna di Valle e Bracciano nuova, La Misericordia, i vari gruppi del Rione Borgo, il gruppo scout Bracciano e il gruppo della Cresima. La conclusione della processione del Corpus Domini al convento del Divino Amore e la benedizione finale hanno suggellato una giornata dove tradizione, fede, impegno sociale e divertimento hanno saputo incontrarsi animando la città di Bracciano.
Cinzia Orlandi
Redattrice L’agone

Ultimi articoli