24 Giugno, 2024
spot_imgspot_img

Parla il consigliere del Consorzio di navigazione Armando Riccioni

Un punto di riferimento per il territorio, sia turistico che culturale

Come procedono i lavori di sistemazione della storica sede del consorzio, all’idroscalo degli inglesi?

«Si stanno svolgendo una serie di lavori che possano apportare delle migliorie alla struttura sede del Consorzio, c’è la volontà di rendere la struttura più moderna e migliore.

In primo luogo stiamo effettuando l’impermeabilizzazione, ma anche la rasatura e l’intonaco di tutta la struttura.

Inoltre sono previsti lavori di miglioramento anche per quanto riguarda i pontili per gli attracchi e presto riqualificheremo anche gli spazi verdi attorno agli attracchi, grazie al contributo derivante dal progetto “Ossigeno”, un progetto della Regione Lazio risalente al 2019 indirizzato alla tutela dell’ambiente.

Non solo, ma grazie a questo contributo riusciremo a riqualificare tutte le aiuole belvedere intorno al lago di Bracciano, così da rendere più vivibile tutte le aree verdi adiacenti al lago».

Come interpreta il suo ruolo di membro del CdA del Consorzio del lago? Quali idee e progetti vuole portare avanti durante questo mandato tra quelle già in piedi e quali di nuove?

«Il ruolo di un consigliere è essenzialmente di supporto all’attività svolta dal presidente del Consorzio, contribuire a dare un indirizzo politico all’attività del Consorzio stesso e contribuire a redigere e approvare il bilancio annuale.

Inoltre è importante anche come elemento di collegamento tra il consorzio e tutte le entità territoriali che insistono nello stesso territorio.

Per quanto mi riguarda metto e metterò a disposizione le mie competenze e la mia esperienza sia per quel che concerne la parte strettamente tecnica del ruolo di consigliere d’amministrazione, ma anche per contribuire a far si che il Consorzio possa diventare sempre più un punto di riferimento per il territorio, sia dal punto di vista turistico che culturale.

Il Consorzio, in buona sostanza, deve essere il motore dello sviluppo economico del territorio favorendo l’avvio di nuove attività che possano attrarre visitatori.

Per il raggiungimento di questo obiettivo è fondamentale il ruolo della motonave “Sabazia II”, che potrebbe diventare davvero il mezzo per rendere godibili e accessibili alle persone tutte le bellezze naturali del lago di Bracciano, coinvolgendo anche le varie strutture locali per poter rendere più completa l’esperienza del turista, non solo di mera visione del paesaggio, ma che possa realmente far scoprire alle persone tutto ciò che il territorio offre, sia dal punto di vista naturalistico, culturale, ed enogastronomico».

Quale pensa debba essere il ruolo del Consorzio nel territorio? Hub turistico? Polo culturale? Centro di servizi? O più funzioni insieme? E come metterle in sinergia?

 

«A mio avviso il ruolo del consorzio deve essere polifunzionale, nel senso che attraverso una politica che possa rendere possibile l’efficienza nello svolgimento di tutte queste attività.

Ovviamente, il Consorzio si trova all’interno di un territorio che ha nel turismo una delle sue prime fonti di sviluppo e pertanto, come dicevo precedentemente, attraverso il coinvolgimento di tutte le varie strutture locali e in sinergia con le stesse, il suo ruolo deve essere centrale nello sviluppo del turismo. In buona sostanza, il Consorzio deve essere un vero e proprio punto di riferimento per chi vuole godere delle bellezze offerte dal territorio».

Giovanni Furgiuele
Presidente L’agone nuovo

 

 

 

 

Ultimi articoli