28 Maggio, 2024
spot_imgspot_img

Riflettori accesi sul Movimento Pax Christi

Il Movimento Pax Christi è un’organizzazione internazionale cattolica che promuove la pace e la giustizia. Fondata nel 1945 in Francia come risposta alla devastazione della Seconda Guerra Mondiale, Pax Christi si è diffusa in tutto il mondo, impegnandosi a risolvere i conflitti attraverso mezzi non violenti e a promuovere la pace. Il movimento è noto per le sue campagne contro la violenza, gli armamenti, l’ingiustizia e l’oppressione in tutto il mondo.

A dare il via al progetto sul territorio di Anguillara è stato Don Paolo un paio di anni fa. L’organizzazione non coinvolge solo Anguillara, ma anche i territori vicini come Bracciano, Trevignano, Sacrofano, Bassano Romano. Non è presente una sede ufficiale, tuttavia, la maggior parte degli incontri avviene nella parrocchia Regina Pacis di Anguillara.

L’associazione è strutturata sia a livello nazionale che territoriale. A livello nazionale esiste un coordinamento di tutte le organizzazioni sorte nei diversi territori d’Italia, e occasionalmente vengono organizzati incontri di formazione e sensibilizzazione. A livello territoriale, invece, ogni gruppo opera e si manifesta nel proprio territorio.

La possibilità di collaborare tutti insieme a livello nazionale gioca un ruolo chiave, poiché permette di approfondire meglio le tematiche e chiedere un maggiore supporto reciproco.

All’associazione è libero di partecipare chiunque professi o meno un credo religioso, poiché il messaggio portato da Pax Christi è universale. Quindi, nonostante l’organizzazione sia cattolica, essa è frequentata da cittadini di varia provenienza, sia territoriale che di percorso di vita, poiché accomunati dalla credenza nei principi etici e morali.

Le iniziative intraprese negli ultimi anni da Pax Christi nel territorio vicino al lago di Bracciano sono svariate.

Nel marzo scorso è avvenuto un incontro con il consorzio di navigazione di Bracciano in cui è stato richiesto ufficialmente che il battello navighi sul lago battendo la bandiera della pace. In caso di risposta positiva è prevista a maggio una cerimonia di consegna della bandiera della pace e un incontro di sensibilizzazione che avverrà proprio sul battello.

Un’altra campagna intrapresa da Pax Christi è avvenuta nel 2023, quando venne richiesto al comune di Anguillara di dipingere una panchina di giallo in ricordo di Giulio Regeni, ma anche di tutte le persone che hanno subito torture e violenze. Ricordiamo che Giulio Regeni, ricercatore universitario, è stato ucciso in Egitto probabilmente per ordine dei servizi segreti egiziani nel 2016; il processo è tutt’ora in corso.

Altra iniziativa ancora è quella del settembre 2022, quando un gruppo di 17 persone partì con dei furgoni verso l’Ucraina, per portare aiuti umanitari; al ritorno dal viaggio il gruppo raccontò la sua esperienza e le condizioni in qui erano costretti a vivere gli abitanti del luogo.

Inoltre, Pax Christi organizza spesso incontri con persone provenienti da altre parti del mondo. Questi incontri permettono di ricevere testimonianze dirette su ciò che accade negli altri Paesi, di cui non si parla abbastanza. Trovare persone che vivono direttamente le diverse situazioni in numerosi altri Paesi del mondo è un elemento importante per capire com’è la condizione di vita all’estero. Tra gli ultimi incontri vi è quello avvenuto con un sacerdote proveniente dalla Siria, che ha raccontato la situazione nel suo Paese, vittima di una orribile guerra civile.

In definitiva, il Movimento Pax Christi lavora per costruire un mondo più giusto e pacifico.

Ultimi articoli