4 Marzo, 2024
spot_imgspot_img

Il Vian ha ospitato Mario Lentano per “Memoria e potere. Censura intellettuale e roghi di libri nel mondo romano”

Il giorno 27 gennaio gennaio, il Vian ha avuto infatti l’onore di ospitare Mario Lentano, ordinario di lingua e letteratura latina presso l’Università degli Studi di Siena, membro del centro Antropologia e mondo antico, autore proficuo di numerosi saggi e pubblicazioni di elevato valore scientifico e ricercatore di levatura nazionale.

Nel corso dell’intervento, dal titolo Memoria e potere. Censura intellettuale e roghi di libri nel mondo romano, il professore ha accompagnato il pubblico, riunito nell’aula magna dell’istituto, in un viaggio volto a stimolare la riflessione sul tema del rapporto tra la letteratura, interpretata qui anche come luogo della memoria collettiva, e i potenti.

Il percorso ha preso le mosse da illustri autori antichi che sono stati protagonisti della vita politica del loro tempo, del calibro di Seneca e Tacito, per poi approdare sulle pagine di intellettuali  moderni e contemporanei, come Ray Bradbury con il suo Fahrenheit 451, a dimostrazione della perenne attualità della cultura classica e del fil rouge che ci lega ad essa.

Con il consueto e lodevole senso di appartenenza alla comunità scolastica che caratterizza gli studenti del Vian, i ragazzi dello staff, coordinati dalla prof.ssa Chiara Bernetti, hanno contribuito all’organizzazione dell’evento, curando la produzione del materiale divulgativo e accogliendo gli intervenuti ai fini dell’attribuzione di crediti formativi sia agli studenti che ai docenti, sia interni ed esterni.

Non meno prezioso è stato il contributo dei ragazzi che hanno preso parte all’iniziativa in qualità di spettatori, imprimendo vivacità al dibattito, estremamente partecipato, con i loro interventi, attraverso i quali hanno proposto sia domande che riflessioni, a dimostrazione dell’interesse suscitato dalla lezione e della riuscita dell’evento.

Il  Liceo statale Ignazio Vian, pertanto, anche e soprattutto  grazie alla Dirigente scolastica Lucia Lolli, sempre attenta a iniziative che possono conferire lustro alla scuola e ribadire l’attualità dei classici, svolge il ruolo di protagonista nella promozione e nella diffusione della cultura antica e non solo, dimostrandosi eccellenza del territorio e polo di attrazione per ospiti di elevata caratura.
Anna Paradiso, professoressa

 

 

 

 

 

Ultimi articoli