4 Marzo, 2024
spot_imgspot_img

Gli studenti del “Giuseppe Di Vittorio” al parlamento europeo

Un’esperienza che rimarrà nella storia dell’Istituto Superiore “Giuseppe Di Vittorio” e nella memoria dei suoi allievi: è quella vissuta dai Rappresentanti della Consulta Provinciale studentesca Simone Quattrocchi, Martina Ferrazzi e Brenda Tirabassi (Rappresentante d’Istituto) che mercoledì 31 gennaio sono partiti insieme al Consigliere Comunale Stefano Fierli alla volta di Bruxelles dove hanno visitato la sede del Parlamento europeo nell’ambito delle iniziative dedicate all’Educazione civica: “Si tratta di una materia trasversale – ha precisato la Prof.ssa Rosa Torino, Docente di Diritto ed Economia e Referente per le attività di Educazione Civica – ma è anche oggetto dell’esame conclusivo del secondo ciclo di studi. Ringraziamo il Consigliere Stefano Fierli. La visita del Parlamento Europeo, organo legislativo dell’U.E. eletto a suffragio universale direttamente dai cittadini dell’Unione ogni 5 anni, assume un particolare rilievo perché avviene proprio nell’anno che vedrà rinnovarsi i suoi membri”. “Siamo veramente orgogliosi di essere qui a rappresentare la nostra scuola a Bruxelles nella sede del Parlamento europeo” – ha affermato Simone Quattrocchi. “Un’emozione particolare, davvero unica per noi dell’Istituto Tecnico – ha aggiunto Brenda Tirabassi – per cui ringraziamo ancora il nostro Consigliere Stefano Fierli che ci ha dato questa opportunità”. “Una bellissima esperienza” – ha aggiunto Martina Ferrazzi. “Credo soltanto negli esempi per i giovani – ha sottolineato il Consigliere Stefano Fierli – perché l’esempio consente una crescita molto più veloce che rimane impressa in loro, per quello che studiano e per quello che andranno a fare in futuro. L’Europa è il loro futuro nonché il nostro presente”.

Il Parlamento europeo agisce in qualità di colegislatore e condivide con il Consiglio il potere di adottare e modificare le proposte legislative e di decidere sul bilancio dell’UE; vigila sull’operato della Commissione e degli altri organi dell’UE e coopera con i Parlamenti nazionali degli Stati membri.  Nel corso degli anni e con le diverse modifiche dei trattati europei, ha acquisito importanti poteri legislativi e di bilancio in base ai quali determina, insieme ai rappresentanti dei governi degli Stati membri riuniti nel Consiglio, la direzione da attribuire al progetto europeo. In tale prospettiva, il Parlamento europeo si adopera per promuovere la democrazia e i diritti umani in Europa e nel mondo.

Ultimi articoli