21 Maggio, 2024
spot_imgspot_img

“Nel 2023 sono stati 128 gli avvocati nel mondo minacciati, aggrediti, detenuti e scomparsi”

Nel 2023 sono stati 128 gli avvocati nel mondo minacciati, aggrediti, detenuti, scomparsi e uccisi. E’ quanto riporta l’Organismo Congressuale Forense, in vista della Giornata Internazionale degli Avvocati in Pericolo, citando i dati pubblicati da OIAD (Osservatorio Internazionale sugli Avvocati in Pericolo. Si tratta di una stima certamente incompleta, come precisa lo stesso OIAD, posto che in alcuni Paesi l’uscita di notizie è resa realmente difficoltosa dalla censura governativa e dalle limitazioni all’accesso a internet e al world wide web e, più in generale, alle comunicazioni con l’esterno.

“Si tratta, perlopiù, di colleghi che svolgono la propria attività in Paesi governati da regimi totalitari, come la Turchia, l’Iran o l’Afghanistan, l’Egitto o oligarchici come la Russia e la Cina, o ad altissimo tasso di criminalità e di corruzione delle Istituzioni, come il Messico, la Colombia e le Filippine”, spiega l’Organismo Congressuale Forense, “In tutti questi Paesi, essere o difendere attivisti dei diritti umani, rappresentanti di comunità o etnie considerate avverse al potere o vittime della criminalità organizzata o delle stesse forze dell’ordine espone gli avvocati a pesanti rappresaglie. In molti casi essi pagano le conseguenze, in termini di incriminazione, arresto o persecuzione giudiziaria per cosiddetti reati d’opinione o perché difendono dissidenti, in altri casi perché la loro attività si pone in contrasto con le leggi “morali” imposte dai regimi teocratici. Ma sarebbe erroneo e limitativo pensare che gli avvocati siano in pericolo soltanto in determinati contesti sociopolitici: alcuni di loro esercitano anche in Paesi europei come la Bielorussia, L’Azerbaigian, il Belgio, il Regno Unito e l’Ucraina”.

Secondo l’OCF, coordinato dall’avvocato Mario Scialla al fine di individuare per intero gli ambiti di osservazione e di intervento “è necessario definire correttamente il perimetro del concetto di pericolo. Se partiamo dall’idea che qualsiasi limitazione al libero esercizio da parte dei legali del diritto/dovere di difesa vada a minare il diritto fondamentale del ricorso a un equo processo (art. 8 UDHR e artt. 6 e 13 CEDU), violi il principio di eguaglianza davanti alla legge (art. 7 UDHR e art. 14 CEDU) e, in molti casi, anche il divieto di tortura e trattamenti inumani (art. 5 UDHR e art. 3 CEDU), dobbiamo necessariamente rivedere la casistica e i necessari strumenti di intervento. Infatti, sia pure in termini diversi rispetto a quelli riportati nei dati dell’OIAD, anche le pesanti limitazioni ai colloqui difensivi, all’accesso alle accuse e agli atti del processo e agli strumenti difensivi imposte agli avvocati di Julian Assange nel corso dei diversi processi per le accuse di violenza sessuale in Svezia e per estradizione nel Regno Unito (documentate perfino dall’ex Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla tortura Nils Melzer) e di Aleksej Naval’nyj nei processi farsa cui viene sottoposto dal regime russo ormai da almeno quindici anni, per limitare il discorso a due degli esempi più eclatanti di compressione del diritto di difesa, rappresentano appieno altrettante ipotesi di arbitraria limitazione del libero esercizio del diritto di difesa. Anche in Italia, l’esperienza quotidiana ci consegna episodi sempre più frequenti di minacce rivolte, soprattutto via social, ad avvocati rei di aver assunto incarichi difensivi a favore di soggetti già definiti colpevoli dalla gogna mediatica che puntualmente si sviluppa a seguito di fatti di cronaca particolarmente efferati”.

In occasione della Giornata Internazionale degli Avvocati in Pericolo, OCF ritiene necessario, più che mai, ribadire che “il ruolo del difensore, chiamato ad assicurare il corretto esercizio da parte del proprio assistito del diritto fondamentale alla difesa non può essere compresso o limitato in alcun modo e che ogni Stato ha il dovere di assicurare strumenti idonei di protezione a favore degli avvocati le cui libertà e incolumità siano, in qualsiasi modo, poste in pericolo in ragione dello svolgimento della loro funzione”.

Ultimi articoli