L’Italia trema in Liguria, in Emilia, in Toscana, nelle Marche

Una scossa di terremoto è stata avvertita a Genova e nel resto della Liguria. Secondo l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, il sisma ha una magnitudo di 4.1 ed è stato registrato a 2 chilometri a ovest di Bargagli a una profondità di 10 chilometri. In molti uffici i lavoratori sono stati fatti uscire in strada. Le Ferrovie hanno sospeso il traffico sulla linea Genova-La Spezia per precauzione.

Due forti scosse di terremoto sono state avvertite, la prima intorno alle 12 e 25, la seconda un minuto dopo, ad Ascoli Piceno. L’Ingv ha stabilizzato la rilevazione della magnitudo a 4.1 per la prima scossa e 3.6 per la seconda. L’epicentro si trova a Folignano (Ascoli Piceno, a 24 km di profondità). Quando sono state avvertite le due scosse, la gente è uscita in strada. Sono uscite anche alcune scolaresche.

E una scossa di terremoto, seguita da un’altra di minore intensità, si è verificata anche in Emilia poco prima delle 17 e 50, nel Modenese nella zona dell’Appennino al confine con la provincia di Lucca. La stima provvisoria dell’Ingv parla di magnitudo tra 3.7 e 4.2. Circa un minuto dopo un’altra scossa, al momento segnalata tra 2.9 e 3.4 di magnitudo. Il sisma è stato avvertito sull’Appennino emiliano, ma anche in Toscana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui