Rischio usura per 40mila aziende dei servizi

70

Secondo Confcommercio, sono circa 300mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi che rischiano di chiudere i battenti in modo definitivo a causa dei fermi legati alla pandemia. Tra le cause principali, la perdita quasi totale di fatturato e la conseguente crisi di liquidità. Inoltre sono ad immediato e grave rischio usura «circa 40mila imprese del commercio, della ristorazione e dell’alloggio ». Con il Mezzogiorno che paga un prezzo più alto «perché dotato di un tessuto imprenditoriale più fragile».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui