Ustica. «Caro nonno, ucciso dalle bugie…»: la poesia del nipote di una vittima

117

A 40 anni dalla strage il vescovo di Trapani ha ricordato le vittime con una Messa. Tra loro Alberto Bosco il cui nipote, di quarta elementare, ha composto e letto in chiesa una poesia

Al nonno di cui porta il nome e che ha conosciuto dai racconti del padre, ha dedicato una poesia. Alberto Bosco, 9 anni, nipote di un altro Alberto Bosco – titolare di un’officina a Valderice (Trapani) che quella sera di 40 anni fa viaggiava sul DC9 dell’Itavia – ieri al termine della messa per le vittime di Ustica officiata a Trapani dal vescovo Pietro Maria Fragnelli, è salito all’altare. “Un segno di speranza che alle nuove generazioni sarà indicato un sentiero di giustizia, verità e trasparenza democratica”, ha detto il vescovo Fragnelli.

Con voce ferma il piccolo Alberto si è rivolto al nonno:

“Quando sono nato / il tuo nome mi hanno dato. / E col tempo papà la tua storia mi ha raccontato. / Su quell’aereo quella sera ti sei trovato / e a casa non sei più tornato, / infatti in quella terribile notte molte cose sono andate storte. / Bugie, falsità, / per non dire la verità. / Chissà come la tua vita sarebbe stata! / Ahimè in fondo agli abissi del mare è restata. / Ma un angelo per me resterai / e nel mio cuore rimarrai”.

Alla celebrazione era presente anche Vincenza Lupo sorella di Francesca e Giovanna Lupo e zia dei piccoli Vincenzo, Antonella e Giuseppe di appena un anno, anche loro vittime del disastro aereo di Ustica. Complessivamente le vittime trapanesi furono 12.

(Avvenire)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui