LAGONE

Roma: Terme di Stigliano – “La società non era autorizzata agli scarichi delle acque termali “

maggio 23
16:58 2019

TERME DI STIGLIANO, MANUNTA, CITTÀ METROPOLITANA: “ATTI IN LINEA CON IL PARERE DEL MINISTERO, LA SOCIETÀ NON ERA AUTORIZZATA AGLI SCARICHI DELLE ACQUE TERMALI.”

“Sul diniego allo scarico delle acque per lo stabilimento termale di Stigliano, a seguito di quanto emerso sulla stampa pochi giorni fa è doveroso fare alcune precisazioni – dichiara il Consigliere metropolitano delegato all’Ambiente, Matteo Manunta.

“Il procedimento è aperto dal 2015: non è certo un atto avventato, né caduto “tra capo e collo”. Proprio considerando le ricadute economiche e occupazionali dell’area, abbiamo curato l’istruttoria interpellando tutte le autorità coinvolte, a partire dalla Regione Lazio, da cui dipende la concessione. La Asl ha confermato la presenza di arsenico e il Ministero dell’Ambiente ha dato il proprio parere negativo. A quello si è allineata la Città metropolitana, che non ha alcun potere di derogare ai limiti previsti per legge”.

L’autorizzazione negata riguarda lo scarico delle sole acque reflue domestiche (provenienti dai bagni e dalla cucina). Lo scarico delle acque termali dalle tre sorgenti esistenti e utilizzate (non quattro, come dichiarato dalla Società) non è mai stato autorizzato, e non è stato possibile valutarlo in questa fase anche perché la stessa Società non ha mai fornito un quadro completo né sugli impianti di canalizzazione né sulle analisi delle acque. Il Ministero dell’Ambiente ha chiarito che – nonostante le acque di sorgente presentino naturalmente una quantità di sostanze pericolose – lo scarico delle acque anche per il solo corpo idrico superficiale non poteva essere consentito. Non si tratta quindi di un’interpretazione restrittiva delle norme, ma di una precisa applicazione delle stesse, per evitare che la concentrazione di sostanze pericolose, oltre certi limiti che sono stati certificati, creino danni all’ambiente e alla salute pubblica”, conclude Manunta.

Roma, 23 maggio 2019

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *