16 Giugno, 2024
spot_imgspot_img

Cerveteri, approvato il nuovo Piano di Emergenza Comunale

Il Consiglio Comunale di Cerveteri ha adottato mercoledì scorso il nuovo Piano di Emergenza Comunale, un documento di fondamentale importanza poiché illustra e stabilisce le procedure che è necessario mettere in atto per garantire l’incolumità della cittadinanza in occasione di eventi calamitosi. L’atto, proposto dal Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci e presentato in Aula dal Capo della Ripartizione Sicurezza, Col. Marco Scarpellini, che ne ha curato anche la predisposizione, ha ricevuto l’approvazione dei Consiglieri Comunali sia di maggioranza che opposizione, a parte l’astensione dei Consiglieri Orsomando e De Angelis.
“La Ripartizione Sicurezza del nostro Comune ha compiuto un lavoro eccellente – ha detto il Sindaco Alessio Pascucci – Il nuovo piano è stato concepito in modo da essere immediatamente chiaro e comprensibile, e dettaglia punto per punto le procedure che devono essere seguite in caso di emergenza, stabilendo compiti e responsabilità. Quando si affronta un’emergenza è indispensabile che ognuno conosca il proprio ruolo affinché le operazioni di assistenza e soccorso siano compiute nei modi e nei tempi previsti al fine di salvaguardare l’incolumità dei cittadini”.
Sebbene ne abbia l’aspetto, oltre 350 pagine divise in 3 volumi più gli allegati e un’ampia cartografia, il Piano di Emergenza non è un’enciclopedia, bensì un manuale pratico, da tenere sempre a portata di mano da parte degli uffici comunali per agire con rapidità e certezza. A breve sarà pubblicato sul sito web del Comune, per permetterne la consultazione da parte di tutti i cittadini.
“Siamo partiti da un attento studio del territorio comunale – ha spiegato il Comandante Scarpellini – e dall’individuazione delle criticità che questo evidenzia per definire i rischi reali a cui i cittadini di Cerveteri potrebbero essere esposti in caso di eventi atmosferici di particolare entità, calamità naturali, o nelle emergenze causate dalla mano dell’uomo, come ad esempio un incendio boschivo. Una comunità in grado di conoscere i rischi del proprio territorio, preparata ad affrontarne le conseguenze con la capacità di difendersi e di riprendersi dagli effetti di una catastrofe, è una comunità che vuole essere resiliente. Le autorità locali, in questo, non hanno soltanto il compito di coordinare i soccorsi o, ad esempio, guidare l’esodo dei cittadini, ma anche fare un’adeguata attività di informazione e prevenzione dei rischi. Questa è forse la finalità più importante del piano che abbiamo predisposto”.

Ultimi articoli