14 Aprile, 2024
spot_imgspot_img

Dal 21 luglio al via Tuscia in Jazz Festival

A Bagnoregio torna il Tuscia in Jazz Festival. Dal 21 al 31 luglio la rassegna fondata su un sapiente amalgama tra giovani promesse della musica jazz e artisti di fama internazionale viene riproposta anche quest’anno, accasandosi ancora una volta nella storica sede di Piazza Biondini. Oltre ai concerti in cartellone, torna anche il premio per musicisti under 30 “Tuscia in Jazz European Award”, giunto all’undicesima edizione. A compendio del programma, si confermano pure i seminari didattici dedicati al jazz e quelli di Informatica Musicale, tenuto da Mauro Dolci, e di Tecnico del suono, tenuto da Mirko Gerunzi.

Ad aprire il Festival, il 21 luglio, sarà il trombettista americano Wayne Tucker, con il suo trio. Seguirà, dal 22 al 25 luglio, il “Tuscia in Jazz European Award”, che vedrà coinvolte 6 band finaliste selezionate dalla giuria. Il premio è riservato agli under 30 e dedicato alla musica originale. Archiviato il premio, dal 26 luglio si entrerà nel vivo dei concerti con: il Sara Decker Group, che al festival inciderà il suo cd live; il trombettista Aldo Bassi, (il 27 luglio) con il suo quartetto; Rosario Giuliani e Luciano Biondini (il 28 luglio), con il loro omaggio a Nino Rota ed Ennio Morricone; il grande concerto del trio Cyrus Chestnut, Buster Williams e Lenny White (il 29 luglio). Il 30 luglio, torna invece la notte bianca a Civita di Bagnoregio, con 8 concerti e 100 musicisti coinvolti, tra i quali Harold Bradley, Elisabetta Anonini Duo, Fire Dixie Street Band, Amonouche Gipsy Trio e gli studenti del Tuscia in Jazz. Chiuderà il festival, il 31 luglio, Fabio Zeppetella, con il suo trio.

Il festival oltre che del Comune di Bagnoregio, ha il patrocinio della Regione Lazio e della Fondazione Carivit.

 

Ultimi articoli