Il Greenwashing della Commissione Europea: torna di moda il nucleare. NO GRAZIE !

 

 

 

 

 

ELENA FATTORI, senatrice di Sinistra Italiana: Caro bollette e cambiamento climatico sono al centro del dibattito europeo sull’energia, ma la questione sta prendendo delle pieghe che vanno invece verso interessi economici e politici.

Con continui colpi di coda infatti, la Commissione Europea sta tentando di inserire il nucleare e il gas naturale tra le forme di energia che possano consentire il raggiungimento degli obiettivi previsti dal Green Deal con l’appoggio di Francia, Repubblica Ceca, Polonia e Bulgaria. Dall’altro lato Germania, Spagna e Austria si stanno opponendo tanto da far saltare finora il tavolo di approvazione del Regolamento.

La tassonomia verde, è appunto la classificazione delle azioni e degli investimenti identificati come ambientalmente sostenibili ai fini di orientare imprese e investitori verso gli obiettivi di.

  • mitigazione del cambiamento climatico;
  • adattamento al cambiamento climatico;
  • uso sostenibile e protezione delle risorse idriche e marine;
  • transizione verso l’economia circolare, con riferimento anche a riduzione e riciclo dei rifiuti;
  • prevenzione e controllo dell’inquinamento;
  • protezione della biodiversità e della salute degli eco-sistemi;

L’Italia nel 2011 e ancora prima nel 1983 si è espressa fermamente contro il nucleare e tragedie come quelle di Fukushima hanno fatto cambiare idea anche ai fermi sostenitori delle centrali come la Germania.

Il nucleare porta con sé i pericoli legati alla gestione degli stabilimenti di produzione e lo smaltimento dei rifiuti conseguenti. Il gas naturale è per sua natura una fonte esauribile e quindi non annoverabile tra le rinnovabili e i cicli virtuosi di riutilizzo in cui si deve andare.

Appare chiaro, quindi, come il caro bollette sia una scusa per la Commissione Europea di favorire il ritorno a fonti energetiche che sembrano anacronistiche e comunque evidentemente contrarie ai principi del Green Deal.

In Senato presentata una mozione per impegnare il Governo a prendere una posizione fermamente contraria all’inserimento di nucleare e gas naturale nella tassonomia verde che sembra più un’azione di Greenwashing da parte della Commissione, anziché di un percorso virtuoso. Mi auguro ci sarà una larghissima convergenza

Elena Fattori

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui