La Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato finita l’epidemia di Ebola

L’epidemia di Ebola scoppiata ad ottobre nella provincia del Nord Kivu della Repubblica Democratica del Congo è stata dichiarata oggi superata. Un ruolo determinante è stato giocato dal vaccino.

 

Mentre il mondo intero è alle prese con la pandemia di coronavirus una buona notizia sul fronte sanitario arriva dall’Africa: l’epidemia di Ebola scoppiata ad ottobre nella provincia del Nord Kivu della Repubblica Democratica del Congo – la seconda del 2021 – è stata dichiarata oggi superata. Ad annunciarlo sono state oggi le autorità sanitarie nazionali dopo che, per 42 giorni consecutivi, non sono state segnalate nuove infezioni. Complessivamente dall’8 ottobre sono stati registrati 8 contagi, e 6 hanno avuto come esito il decesso del paziente. Anche per questo focolaio dell’epidemia di Ebola un ruolo determinante è stato giocato dai vaccini: oltre 1.800 congolesi già dal quinto giorno dopo la scoperta del primo caso sono stati vaccinati con il vaccino Ervebo recentemente autorizzato per uso compassionevole. “Una più forte sorveglianza delle malattie, l’impegno della comunità, la vaccinazione mirata e una risposta tempestiva stanno rendendo più efficace il contenimento dell’Ebola nella regione”, ha dichiarato il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l’Africa. “Durante questa epidemia, la Repubblica Democratica del Congo è stata in grado di limitare le infezioni diffuse e salvare vite umane”. Determinante si è rivelata l’esperienza maturata nelle epidemie di Ebola degli anni scorsi: dopo la scoperta del primo caso nella città di Beni è stato eseguito un efficace tracciamento dei contatti e una campagna vaccinale di successo.

(Fanpage)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui