Covid: stretta per le feste in Repubblica Ceca e Portogallo 

168

Praga ipotizza anche la vaccinazione obbligatoria per alcune categorie a rischio

Niente mercatini di Natale, né alcool sulla pubblica piazza.

Il Covid rovina la festa alla Repubblica Ceca: un mese di stato d’emergenza, con chiusure serali anticipate per bar ristoranti e discoteche, alcune delle principali misure indotte dai recenti picchi di contagi: 26.000 soltanto nella giornata di martedì, per un record settimanale di oltre 100 su 100.000 abitanti. Allo studio del governo, ha fatto sapere il primo ministro Andrej Babis, anche la vaccinazione obbligatoria di categorie particolarmente a rischio come anziani, personale sanitario e forze dell’ordine.

Il green pass non basta. Il Portogallo richiede un test negativo anche ai vaccinati

Stretta in vista delle feste natalizie anche in Portogallo. Dal 1° dicembre all’Epifania, per accedere a ospedali, bar, ristoranti e grandi eventi culturali e sportivi verrà richiesto un test negativo anche a chi dispone del green pass. Stessa la politica che si applicherà ai viaggiatori in arrivo per via aerea. Rinviato poi di una settimana, al dieci gennaio, il ritorno a scuola dopo le vacanze.

Vaccino e gravidanza: “L’impatto sul feto c’è. Ma se non lo fate”

Accelera intanto, nel Regno Unito, la campagna di prevenzione e sensibilizzazione delle donne incinte. “Il vaccino non interferisce con la gravidanza – il messaggio delle autorità -. Non farlo mette invece a rischio sia voi che il feto”. “Le statistiche ci dicono che su dieci donne in gravidanza, ammesse in ospedale con sintomi di Covid, una finisce in terapia intensiva e due partoriscono prematuramente – dice Marian Knight, docente Università di Oxford -. Bisogna quindi riconoscere che una delle conseguenze più evidenti del virus, sembra essere proprio il forte impatto sulla durata della gravidanza”.

Via libera, intanto dall’agenzia europea del farmaco, al vaccino Ptizer anche per i bambini tra i cinque e gli undici anni. Atteso per la prossima settimana, invece, il pronunciamento dell’Agenzia Italiana del farmaco.

(EuroNews)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui