Splendida Venere: poesia di Vespina Fortuna

184

Vespina Fortuna è una brillante scrittice, di cui abbiamo presentato, anche recentemente, alcune opere. Oggi ci offre questa nuova testimonianza della sua arte

 

Splendida Venere

 

Lasciati accarezzare

mia splendida Venere

non temere

è solo il vento leggero

che ti sfiora il viso.

 

Lascia che il sole

ti baci le labbra

che la pioggia lavi il tuo dolore

che calici ricolmi di rugiada

curino le tue ferite.

 

Raccogli la conchiglia più bella

mia splendida Venere

porgi l’orecchio e

ascolta

non temere

è solo l’inno alla vita

il mare lo canta per te.

 

Vespina Fortuna

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui