Carlo Calenda: “La linea politica di Renzi non si capisce. Smetta di fare il businessman”

83

Il leader di Azione al Corriere della sera: “Serve un partito riformista”

 

Carlo Calenda, all’appello di Matteo Renzi di andare uniti alle prossime elezioni politiche, risponde così in un’intervista al Corriere della sera:

“Come Matteo sa bene, è più complicato di così, perché non si capisce qual è la sua linea politica. Renzi è andato alleato con i Cinque stelle in molti Comuni, senza contare gli accordi con il forzista Miccichè in Sicilia”.

Il leader di Azione poi mette alcuni paletti imprescindibili per un’eventuale alleanza con Italia Viva.

“Renzi sa che ci sono delle condizioni imprescindibili: in primo luogo che smetta di fare il businessman ed essere pagato da paesi stranieri, poi di farla finita con i tatticismi. Dopodiché, a parte queste battute sul palco, da lui non è mai arrivata una proposta seria di collaborazione”.

Sulla possibilità della nascita di un nuovo grande centro, Calenda spiega:

“Credo alla necessità di un grande partito liberaldemocratico e riformista che porti avanti il modo di governare di Draghi. Una formazione che non nasce dalla fusione di qualche sigla parlamentare, ma da un profondo lavoro sul territorio. Oggi Azione è aperta a collaborare con i movimenti politici che condividono questa prospettiva: da +Europa a Base dell’ex leader Fim Bentivogli, comprese singole personalità civiche”.

(Huffpost)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui