5 Dicembre, 2022
spot_imgspot_img

Roma è piena di rifiuti, ma l’ex consigliere a Cinque Stelle attacca Gualtieri con una foto di Catania

Non mancano certo immagini di Roma sommersa dai rifiuti, ma il pentastellato Angelo Diario ne sceglie una, estrema, della città di Catania

Cassonetti letteralmente sommersi dall’immondizia che ricopre anche il marciapiede e una porzione di carreggiata. Postando un’immagine di una strada invasa dai rifiuti gli ex consiglieri Cinque Stelle attaccano la nuova amministrazione di centrosinistra. La foto però non è di Roma, è di Catania.

Non che a Roma vada meglio, certo, ma se l’errore fosse successo a parti invertite non sarebbe stato mai perdonato dai grillini, sempre pronti – e non sempre a ragione – a gridare allo scandalo fake news. Responsabile del fake – stavolta sì, lo è proprio –  l’ex consigliere Angelo Diario (rimasto fuori dalla partita elettorale).

Insomma, invece di utilizzare una foto vera, e certo non ne mancano in questi giorni, il pentastellato ha scelto un’immagine estrema per amplificare l’eco della sua denuncia ironica. “Questa è la sapiente strategia messa a punto da Gualtieri per eliminare i cinghiali della Raggi – ha scritto Diario – il piano è tanto semplice quanto geniale: bisogna farli avvicinare ai cassonetti e poi, quando meno se lo aspettano, seppellirli sotto una montagna di rifiuti. E questo è solo l’inizio. Il piano è ottimo anche come incentivo alla mobilità sostenibile: entro un paio di settimane anche le auto parcheggiate saranno inghiottite! Che spettacolo! Daje Gualtieri, avanti tutta”. 

Nella foto scelta da Diario si vede un’enorme quantità di rifiuti accatastati uno sopra l’altro che seppellisce i cassonetti e tutto il marciapiede. Si trova sul sito Ragusanews.com, all’indirizzo www.ragusanews.com/attualita-a-catania-si-esagera-la-situazione-rifiuti-e-fuori-controllo-foto-141597/, nella gallery online, in un articolo dal titolo ‘A Catania si esagera, la situazione rifiuti è fuori controllo’. Anche a Roma lo è, ma non per questo una foto vale l’altra.

(RomaToday)

 

Ultimi articoli