5 Febbraio, 2023
spot_imgspot_img

Carrefour dismette i suoi supermercati: lavoratori in esubero da Garbatella a Prati Fiscali

A Roma e provincia 18 su una trentina i supermercati Carrefour investiti dal piano di ristrutturazione e franchising: per i dipendenti in esubero previsto l’esodo incentivato su base volontaria

Carrefour dismette 106 punti vendita e in tutta Italia lascia a casa 769 lavoratori. La multinazionale francese ha annunciato una procedura di licenziamento collettivo che investirà il Paese da nord a sud. Nove le regioni coinvolte: da Valle d’Aosta, Lombardia e Piemonte a Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Campania, Sardegna e anche il Lazio. A Roma e provincia gli esuberi riguardano 83 full time equivalent nei market e 15 negli ipermercati.

Carrefour chiude 106 punti vendita: esuberi anche a Roma

“I motivi alla base della situazione di eccedenza – così ha comunicato Carrefour ai sindacati – sono da individuarsi nella grave situazione economico gestionale. Il complessivo calo del fatturato e dei clienti da un lato, e l’incidenza del costo del lavoro dall’altro, hanno determinato una situazione di grave squilibrio che ormai non è più sostenibile e costringe la società ad un intervento strutturale volto a riequilibrare il rapporto tra personale e fatturato”. A Roma e dintorni – dove Carrefour ha iper, market ed express – tremano i lavoratori di diversi punti vendita: dai Parioli a Boccea e poi ancora Colombo, Vigna Murata, Garbatella, XXI Aprile, Piazzale degli Eroi e Prati Fiscali fino a Spinaceto, Tivoli e Guidonia. “Diciotto su una trentina in tutto, questo vuol dire che più del 50% dei punti vendita saranno investiti da questo ennesimo terremoto in casa Carrefour” – ha detto Giulia Falcucci, segretario territoriale della Fisascat-Cisl di Roma e Lazio.

I lavoratori Carrefour tra esodo incentivato e l’incertezza del futuro

I lavoratori in esubero saranno chiamati ad una fuoriuscita volontaria: l’esodo incentivato. “Con riferimento al piano di trasformazione e rilancio per il 2022 annunciato da Carrefour Italia lo scorso 1 ottobre e discusso nuovamente nel corso di un incontro con i sindacati l’11 novembre scorso, Carrefour – ha scritto in una nota l’azienda – ha confermato che il piano di esodi incentivati presentato ai sindacati sarà gestito su base esclusivamente volontaria tramite l’attivazione di una procedura formale come previsto dalla legge, e coinvolgerà circa 600 collaboratori dei punti vendita diretti su tutto il territorio nazionale e 170 collaboratori della sede centrale. L’azienda conferma l’impegno, nell’ambito del confronto con i sindacati e con le istituzioni preposte, ad assicurare ad ogni collaboratore coinvolto la migliore soluzione possibile, favorendo il ricollocamento interno e percorsi per l’imprenditorialità. Con il piano di rilancio Carrefour conferma la volontà dell’azienda di restare e continuare ad investire in Italia, con l’obiettivo di tornare alla profittabilità e ad una crescita duratura e sostenibile”.

Il terremoto Carrefour a Roma: lavoratori preoccupati

A Roma il piano di ristrutturazione e franchising ha già gettato in allarme i lavoratori dei supermercati con insegna rossoblu. “E’ chiara l’intenzione di Carrefour di dismettere i suoi supermercati in tutta Italia passando dalla gestione diretta a quella di piccoli imprenditori. La preoccupazione dei lavoratori è grande perchè così facendo, chi resterà dopo il piano di esodi incentivati, si ritroverà a lavorare non per una multinazionale ma per piccole realtà dove ovviamente la gestione guarda a profitti e margini per l’azienda più rapidi. Questo – l’allarme della sindacalista – a discapito del costo, e quindi dello stipendio, dei lavoratori”. “A noi preoccupa fortemente il progetto della rete in direzione del franchising perchè all’intero di quelli romani c’è già grande difficoltà. Se non si interviene con un protocollo nazionale – aggiunge Alessandro Contucci della Uiltucs – rischiamo, già da un domani molto prossimo, una rete spacchettata. A farne le spese saranno i lavoratori, il lavoro e la sua qualità”.

(RomaToday)

Ultimi articoli