Pulizia della città, i dipendenti di Ama pronti a sforzo straordinario: “Ma il 60% dei mezzi è fermo ai box”

150

Gli operatori di Ama chiamati al piano straordinario di pulizia della città voluto dal neosindaco Roberto Gualtieri, ma i sindacati avvertono: “Personale a ranghi ridotti e pochi mezzi, paghiamo disorganizzazione degli ultimi anni”

La pulizia delle strade e della città entro Natale. E’ questo l’impegno del neo sindaco Roberto Gualtieri per i primi mesi del suo governo di Roma: un piano straordinario che chiamerà in causa i lavoratori di Ama preposti ai servizi di igiene ambientale. Il Comune non si avvarrà invece dei percettori del reddito di cittadinanza. Nelle prossime settimane l’incontro con i sindacati per concordare con i rappresentanti dei lavoratori della municipalizzata per organizzare il piano operativo.

Ama senza personale nè mezzi: “Il 60% sono fermi ai box”

Non mancheranno però le difficoltà. “I lavoratori ripongono molte aspettative nel nuovo socio unico, ma oggi lavorano senza il 60% dei mezzi che sono fermi” – denuncia a RomaToday Giancarlo Cenciarelli di Fp Cgil Roma e Lazio. “I dipendenti di Ama pagano la disorganizzazione e la mancata programmazione di questi anni: un caos che coinvolge officine, autorimesse e sedi di zona. Tutto questo è indegno per un’azienda di queste dimensioni e al servizio della Capitale d’Italia”. I sindacati denunciano anche la carenza di personale: “Le assunzioni fatte, 125 già programmate nel 2017, non bastano perchè nel frattempo – sottolinea il sindacalista – ci sono state ulteriori fuoriuscite e pensionamenti”. Anche il precario sistema di raccolta, trattamento e smaltimento della città – sempre sull’orlo del collasso – non aiuta: “Con l’assenza di sbocchi adeguati e le condizioni di lavoro sempre più critiche, dall’organizzazione alla sicurezza, Ama si trova semiparalizzata e sottodimensionata” – sottolineano Natale Di Cola, Cgil Roma e Lazio, e Giancarlo Cenciarelli.

Ama, i sindacati mettono alla porta l’amministratore unico: “Zaghis si dimetta subito”

Dito puntato contro la precedente amministrazione capitolina e l’amministratore unico di Ama, Stefano Zaghis che i sindacalisti indicano come “il principale responsabile dell’immobilismo e del peggioramento della capacità d’intervento di AMA”. Da qui la richiesta perentoria: “Zaghis – dicono Di Cola e Cenciarelli – si deve dimettere e lasciare che si ricomponga un nuovo management: non si può prevedere alcun piano straordinario per pulire la città lasciando le responsabilità a chi ha gestito in modo fallimentare, inefficace e poco trasparente l’azienda partecipata dei rifiuti in questi anni”. 

Pulizia della città: i lavoratori di Ama pronti a sforzo straordinario

La richiesta al Comune è quella di “un rilancio veloce del servizio”. “I lavoratori sono disposti a dare molto, anche ad uno sforzo straordinario, ma vogliono un management all’altezza dell’impegno: si lavori velocemente su programmazione e progettualità all’azienda perchè in questi anni – conclude Cenciarelli – gli operatori di Ama sono stati costretti ad autorganizzarsi con quello che avevano per garantire servizi alla città”. 

(RomaToday)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui