Verso la Cop26/ – 9 giorni. La Nasa misurerà l’acqua in evaporazione

149

La piattaforma dell’Agenzia spaziale Usa, con dati satellitari, può aiutare gli agricoltori a programmare meglio l’irrigazione dei campi, specie nelle aree più colpite dalle siccità.

 

Quanta acqua evapora, ogni giorno, dalle foglie delle piante e del suolo? Non si tratta di una curiosità scientifica ma di un dato che può aiutare gli agricoltori a programmare meglio l’irrigazione dei campi, specie nelle aree più colpite dalle siccità, come il “Far West” degli Usa, vittima di una ventennale carenza idrica, come dimostra il livello del fiume Colorado, sotto ai minimi storici.

Per questo, la Nasa ha appena lanciato una piattaforma online che contiene tutti i dati riguardo i diciassette Stati occidentali Usa più aridi. “OpenEt” – questo il suo nome – utilizza le immagini satellitari del programma Landsat, il progetto di mappatura del territorio di Nasa e Us Geological Survey.

“I contadini e i gestori idrici non avevano dati costanti e puntuali su una delle informazioni più importanti nella gestione dell’acqua, cioè la quantità di liquidi consumata dalle coltivazioni”, ha detto Robyn Grimm, specialista idrica dell’Environmental Defense Fund, che ha aiutato la Nasa ha sviluppare la piattaforma, insieme a Google e ad altri gruppi ambientali.

Secondo la Nasa, la piattaforma include dati storici, che risalgono al 1984, e nei prossimi mesi verrà aggiornata con informazioni sui tassi delle precipitazioni altrettanto dettagliate. Lo strumento verrà anche esteso ad altre parti degli Usa, tra cui le aree intorno al fiume Mississippi e la regione degli Appalachi.

(Avvenire)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui