Rapporti Berlino-Pechino: dal dopo Merkel dipendono gli equilibri geopolitici 

80

Lo si ripete ormai da settimane: il modo in cui il nuovo governo tedesco riterrà di impostare i rapporti con la Cina potrebbe cambiare gli equilibri geopolitici globali.

L’era Merkel, ormai definitivamente alle spalle, è stata caratterizzata da una fruttuosa relazione con Pechino, divenuta nel 2016 primo partner commerciale della Germania.

Un giro d’affari tanto grande che difficilmente potrà essere sacrificato: valgano ad esempio gli investimenti cinesi nel porto di Amburgo, di cui Pechino ha ormai fatto il punto d’approdo per le merci cinesi in Europa; o la pesante dipendenza dell’industria tedesca dalla Cina, dove Volkswagen ha da poco annunciato due miliardi di investimenti per lo sviluppo della linea elettrica.

A far pressioni, per un raffreddamento ci sono gli Stati Uniti di Joe Biden: che recentemente – volendo mandare un messaggio a Berlino e Parigi in primis – hanno del tutto escluso gli stati europei dall’AUKUS, la cosiddetta Nato del pacifico.

La linea del nuovo esecutivo, dunque, potrebbe cambiare gli equilibri di questa nuova guerra fredda: ma se i verdi di Annalena Baerbock hannogià da tempo dichiarato l’intenzione di rivedere la relazione con Pechino in nome di clima e diritti umani, i Liberali, loro partner nel governo nascente insieme ai socialdemocratici, hanno sempre frenato, sottolineando come la priorità sia salvare gli idilliaci rapporti col Sol Levante

(Euronews)

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui