No Green pass a Roma, altri 24 denunciati: 15 hanno preso parte all’assalto alla Cgil

71

I reati contestati per tutti sono violenza e resistenza a pubblico ufficiale aggravata, radunata sediziosa e manifestazione non autorizzata. Quindici di loro risponderanno anche di devastazione, occupazione di edificio e danneggiamento.

Ci sono altri 24 denunciati per la manifestazione di sabato scorso a Roma, divenuta poi una guerriglia urbana dopo l’occupazione temporanea dei locali della Cigl a Corso Italia. Tra questi, quindici di loro infatti avevano partecipato proprio all’assalto alla sede del sindacato. Ad individuarli i carabinieri del Nucleo informativo del comando provinciale di Roma che hanno portato in Procura una nuova informativa.

Tutti e ventiquattro sono accusati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale aggravata, radunata sediziosa e manifestazione non autorizzata. I 15 che hanno invaso la Cigl, molti dei quali vicini a Forza Nuova, risponderanno anche di devastazione, occupazione di edificio e danneggiamento. Alle denunce gli investigatori sono arrivati dopo aver visionato i video registrati nel corso del pomeriggio di sabato.

All’attenzione dei pm anche una decina di video. In uno si nota anche un uomo a torso nudo con un tatuaggio che riproduce due ali. In un altro video si vede invece Giuliano Castellino, oltre un’ora prima dell’assalto alla sede della Cgil, arringare la folla dal palco di piazza del Popolo affermando di voler andare nella sede di Corso Italia. Immagini che sono diventate anche virali. Il video che è presente anche, insieme ad altri documenti, nella richiesta di convalida dell’arresto chiesto dalla Procura di Roma per tre degli arrestati dopo gli scontri di sabato, ossia Roberto Fiore, Castellino e l’ex Nar Luigi Aronica.

(RomaToday)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui