Addio Elio Pandolfi, fu la voce italiana di Stanlio

39

Da doppiatore Pandolfi lavorò in oltre 500 film dando la voce a Stanlio della coppia Laurel & Hardy, all’attore francese Jacques Dufilho nella serie sul Colonnello Buttiglione, a Paperino nei cartoni animati (in alternanza con Oreste Lionello) e a vari personaggi di “Otto e mezzo” di Federico Fellini. Molti lo ricordano anche come voce di pubblicità di Carosello come Cirio, Nestlé, Motta e Autovox

È morto a Roma all’età di 95 anni Elio Pandolfi, attore, doppiatore e cantante romano protagonista fin dagli anni ’50 in teatro, radio e tv dove diede anche la voce a molte pubblicità di Carosello. Interprete eclettico, capace di spaziare dalla prosa all’operetta, nel 2016 aveva ricevuto il Nastro d’argento alla carriera alla casa del Cinema di Roma.

“Profonda tristezza” è stata espressa dal ministro della Cultura, Dario Franceschini: “Il mondo dello spettacolo piange oggi la scomparsa di un suo grande protagonista”, ha scritto in una nota. Pandolfi lascia un figlio adottivo, Natale Orioles, e per un’espressa scelta dello stesso attore non si terranno funerali.

Nato a Roma nel 1926, aveva vissuto per 28 anni nella scuola di cui il padre era custode: “Mia madre capì da subito che ero diverso dagli altri bambini”, raccontò, “inventavo commedie, recitavo versi da me composti, cantavo e ballavo nel cortile della scuola”. Dopo aver frequentato l’Accademia d’arte drammatica, debutto’ a Venezia nel 1948 come mimo-ballerino in ‘Les malheurs d’Orpheée’ di Milhaud. All’attività teatrale con Wanda Osiris, Carlo Dapporto, Lauretta Masiero, Febo Conti e Antonella Steni, uni’ presto l’impegno in radio per trasmissioni di rivista quali ‘La Bisarca’ di Garinei e Giovannini (1949-51), ‘La Briscola’ di Puntoni e Verde (1949-51), ‘Giringiro’ (1951), ‘Rosso e nero’ con Corrado (1951-57) e ‘Campo de’ Fiori’ diretto da Giovanni Gigliozzi (1955).

Negli anni ’60 prese parte con Dino Verde a numerose trasmissioni radiofoniche di varietà, fra cui ‘Scanzonatissimo’, ‘I discoli per l’estate’ e ‘20,30 Express’. Al cinema tra i suoi film di successo si ricorda ‘Il vizietto’ di Salce del 1979. In tv partecipò a varietà e sceneggiati, tra cui ‘Fuori programma’, ‘Za-bum’ e ‘La domenica è un’altra cosa’.

Da doppiatore Pandolfi lavorò in oltre 500 film dando la voce a Stanlio della coppia Laurel & Hardy, all’attore francese Jacques Dufilho nella serie sul Colonnello Buttiglione, a Paperino nei cartoni animati (in alternanza con Oreste Lionello) e a vari personaggi di “Otto e mezzo” di Federico Fellini. Molti lo ricordano anche come voce di pubblicità di Carosello come Cirio, Nestlé, Motta e Autovox.

La sua ultima apparizione sul palcoscenico risaliva al 2019 in “Io mi ricordo” per la regia di Paolo Silvestrini.

(Agi)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui