Alitalia mette in vendita il marchio, prezzo base fissato a 290 milioni di euro

128

La compagnia in una nota: per le offerte c’è tempo fino al 4 ottobre, l’assegnazione entro fine anno. Ita convoca i sindacati per lunedì per discutere del contratto.

 

Il marchio Alitalia è in vendita: da sabato 18 settembre e fino al 4 ottobre si possono presentare offerte vincolanti per il brand con mezzo secolo di storia che sarà ceduto entro fine anno. Il prezzo base è stato fissato a 290 milioni di euro ma saranno possibili rilanci e vincerà l’offerta con il prezzo più alto come è stato spiegato nel bando pubblicato su diversi quotidiani tra cui il Financial Times. Ovviamente tra i soggetti più interessati c’è la nuova compagnia ITA che decollerà il 15 ottobre e per lunedì ha convocato i sindacati per cercare un’intesa sui contratti.

Un’icona

Il marchio di Alitalia, realizzato nel 1969 al posto del logo con la freccia alata, è un’icona di italianità con la sua A stilizzata con il tricolore. “Rappresenta un patrimonio valoriale e culturale storico, radicato nell’immaginario condiviso italiano”, hanno scritto i commissari Gabriele Fava, Giuseppe Leogrande e Daniele Santosuosso spiegando che “questa operazione si prefigge di tutelare la persistenza del nome e del logo nel panorama del trasporto aereo”. Il decreto infrastrutture prevede peraltro che sia solo una compagnia aerea a potersi aggiudicare il bando.

Due fasi per l’aggiudicazione

Per l’aggiudicazione sono previste due fasi: nella prima saranno ammesse soltanto offerte vincolanti uguali o superiori al prezzo di gara; se questa andasse deserta, si aprirà una seconda fase che ammetterà offerte a prezzo inferiore.

(Agi)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui