Norvegia al voto, le sinistre ci sperano

168

Petrolio e gestione della pandemia i temi caldi. I laburisti non solo potrebbero tornare al potere ma si potrebbe formare una maggioranza progressista grazie all’aumento considerevole del Sosialistisk Venstreparti (Vs, sinistra socialista) e di Rødt (il partito rosso) e alla possibilità che i Verdi superino lo sbarramento.

Dopo 8 anni la premier conservatrice Erna Solberg rischia il posto

Il ricco Regno di Norvegia domani sarà chiamato alle urne per eleggere i 169 deputati che compongono lo Storting, il parlamento monocamerale del paese scandinavo.

La ricchezza della Norvegia deriva, principalmente, dal settore energetico sia rispetto al gas naturale che all’idroelettrico. È l’oro nero, il petrolio, ad aver trasformato, però, il paese in uno dei più prosperi del pianeta. La Norvegia è infatti il terzo esportatore mondiale di petrolio, dopo Arabia Saudita e Russia, che gli garantisce il 42% delle esportazioni delle produzioni del paese fornendo lavoro a 200mila persone (su 5,3 milioni di abitanti) e rappresenta il 25% del Pil dello stato. Il governo ha la proprietà dei maggiori operatori del settore oltre al controllo delle licenze di esplorazione e produzione. Nonostante gli accordi di Parigi e le raccomandazioni dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) l’attuale governo, guidato dalla premier conservatrice Erna Solberg, non ha invertito la rotta rispetto all’energia fossile che, a tutti gli effetti, rappresenta la maggior fonte di ricchezza dello stato. Il tema della riconversione ecologica unita alla gestione della crisi legata alla pandemia, secondo tutti i sondaggi, potrebbe dopo otto anni dover costringere la destra a lasciare la guida del paese.

Il sistema elettorale norvegese è proporzionale, diviso per 19 collegi, con sbarramento al 4% su base nazionale ma con un peso ponderato tra aree urbane e rurali. La peculiarità nell’attribuzione dei seggi determina l’elezione dei deputati e, quindi, la possibilità di formare governi di coalizione. Se nel 2017 i conservatori di Høyre non furono il partito più votato (25%), superati per pochi seggi dai laburisti dell’Arbeiderpartiet (27%), furono le varie formazioni centriste e populiste a garantire alla premier Solberg la riconferma.

Secondo tutti gli ultimi sondaggi la situazione potrebbe ribaltarsi lunedì notte. Non solo il distacco tra la destra e i laburisti potrebbe aumentare di diversi punti a favore dei socialdemocratici ma sarebbero gli storici alleati centristi a perdere consensi. Nel 2017 si era formato un esecutivo di minoranza tra l’Hoyre e i populisti del Fremskrittspartiet, (FrP, partito del progresso). Nel gennaio 2018 vi fu l’allargamento ai liberali del Venstre e ai cristiano-democratici del KrP, che garantì una maggioranza anche parlamentare.

Successivamente, il partito del Progresso si è sfilato, a causa di contrasti nella conduzione della politiche sull’immigrazione, e il governo è nuovamente divenuto di minoranza. Secondo gli ultimi sondaggi sia i cristiano democratici che i liberali sono a rischio sbarramento mentre sono in forte ascesa i partiti di sinistra e tiene, con oltre il 10%, il Senterpartiet, il partito di centro, attualmente all’opposizione, dalle forti caratteristiche rurali.

Quest’anno ricorre il 10° anniversario dalla strage di Utøya quando il terrorista filo nazista, Anders Breivik, uccise nell’isola vicino ad Oslo 69 giovani al campeggio dell’Arbeidernes Ungdomsfylking, la giovanile laburista. Due anni dopo i socialdemocratici arretrarono notevolmente consegnando il paese alle destre.

Dopo 10 anni i laburisti non solo potrebbero tornare al potere ma si potrebbe formare una maggioranza progressista grazie all’aumento considerevole del Sosialistisk Venstreparti (Vs, sinistra socialista) e di Rødt (il partito rosso) e alla possibilità che i Verdi superino lo sbarramento.

Se i socialisti di sinistra, accreditati al 10%, sono un partito affiliato alla Ngla (sinistra verde nordica), i “rossi” sono una formazione più radicale nata dalla fusione di diverse organizzazioni marxiste, che potrebbero, per la prima volta, superare ampiamente il 4%. Entrambe questi partiti, insieme ai Verdi, sono per un programma di abbandono dalla dipendenza dal petrolio oltre che per un rafforzamento del welfare norvegese, con aumenti ed estensioni di tutele e garanzie, per esempio per le cure odontoiatriche.
L’esito di lunedì, compreso il risultato dei centristi, potrebbe permettere soluzioni più o meno progressiste, quasi sicuramente però, riuscendo ad archiviare gli otto anni di governo conservatore di Erna Solberg.

(Il Manifesto)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui