4 Dicembre, 2022
spot_imgspot_img

Ornella Boccato: “Perché mi candido nella lista “Una Costituente per Bracciano”

Mi apprestavo a chiudere pacchi di esperienze e di ricordi di anni di scoutismo laico e mi sono trovata tra le mani una frase di Sandro Pertini “I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo.”

 

Ultimamente mi sono convinta che “fare politica” è un mezzo molto importante, forse l’unico, per cambiare le cose ed ho pensato di rimettermi “sulla strada” per cui mi sono iscritta a Sinistra Italiana. Occorre prendersi la responsabilità di essere nel mondo e dare voce a chi non ce l’ha.

Lo scout è “l’uomo di frontiera” e “la strada” è un luogo di crescita attraverso la fatica , gli ostacoli e il confronto con gli altri. La strada richiede pazienza e tenacia; per questo oltre ad essere una modalità di vita è un mezzo educativo importante e questo è sempre stato quello che ho provato a vivere con i giovani soci del CNGEI. Ai giovani ho sempre detto che occorre impegnarsi, che occorre essere cittadini attivi se si vuole lasciare un mondo migliore di quello che abbiamo trovato.

Dopo anni di dirigenza nei comuni ho compreso che le istituzioni dettano le regole del gioco e da loro dipende il benessere di una società. Requisiti fondamentali di un dirigente pubblico sono etica, competenza, impegno e senso di responsabilità nel perseguire l’interesse della collettività, ma è una società civile attiva e responsabile che protegge i cittadini dagli abusi della politica e dall’inefficienza della pubblica amministrazione.
Tutti questi pensieri mi hanno fatto decidere di candidarmi perché fare politica vuol dire fare servizio per la comunità, garantire un impegno responsabile per la promozione della giustizia sociale e ambientale.

Per cambiare le cose che vanno cambiate occorrono comunità aperte, capaci di agire con la forza della solidarietà, dell’accoglienza, del riscatto degli ultimi. Per costruire o ricostruire una comunità occorre immaginazione, gentilezza e coraggio. I cambiamenti climatici, l’emergenza sanitaria e umanitaria ci impongono un salto di qualità: dobbiamo elaborare un’idea nuova di società che metta al centro la qualità della vita per tutti gli esseri viventi.

Mi prendo il tempo e lo faccio al fianco di Marco. Il percorso fatto dalla coalizione “Il coraggio di cambiare” in quasi due anni di condivisione è la dimostrazione che la politica può essere fatta diversamente. Che la si può fare mettendo in gioco passione per ciò che si vuol costruire e indignazione per ciò che non funziona. La buona politica è un legame di fiducia e riconoscenza tra le generazioni passate, presenti e future e la nostra vita è arricchita o impoverita dalla comunità in cui viviamo.
Nessuno ha detto che sia facile, per portare avanti la mia idea di ben-essere ho bisogno della fiducia dei cittadini di Bracciano, ma comunque vadano le cose avrò speso bene il mio tempo.

Ornella Boccato

Ultimi articoli