Corre il Pil nel secondo trimestre. E l’Italia fa meglio di Germania e Francia

105

L’Istat conferma una crescita “sostenuta” al +2,7% rispetto ai precedenti tre mesi. La Germania si attesta al +1,6% e la Francia allo 0,9%, mentre la media della zona Euro è al +2%

Nel II trimestre dell’anno il Pil italiano corre di più di quelli tedesco e francese, come anche di quello della media dell’Eurozona. Se su base trimestrale la crescita della Germania si attesta all’1,6% e quella della Francia allo 0,9%, il prodotto interno lordo italiano balza infatti al +2,7%. Se si considera l’area Euro, Nel complesso, il Pil dei paesi dell’Eurozona è salito del 2% rispetto al primo trimestre, che aveva registrato un calo dello 0,3%.

Secondo gli ultimi dati dell’Istat, che conferma le stime di fine luglio, tra aprile e giugno del 2021 il Pil italiano, espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2015, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato del 2,7% rispetto al trimestre precedente e del 17,3% nei confronti del secondo trimestre del 2020. (AGI)

“Il forte recupero dell’attività produttiva riflette un aumento marcata – spiega l’istituto di statistica nel commento – dal lato della domanda, a sostenere la crescita del Pil sono state le componenti interne dei consumi e degli investimenti il cui contributo è stato di +2,6 e +0,5 punti percentuali, mentre la componente estera ha fornito un apporto di 0,3 punti. Negativo è il contributo delle scorte per 0,8 punti percentuali”. Inoltre, “le ore lavorate sono cresciute del 3,9% in termini congiunturali, le posizioni lavorative dell’1,9%, mentre i redditi pro capite sono risultati sostanzialmente stazionari”.

Inoltre, sempre secondo l’Istat, la variazione acquisita per il 2021 è pari a +4,7% (rispetto a una precedente stima al +4,8%). Rispetto al trimestre precedente, tutti i principali aggregati della domanda interna registrano un’espansione, con un aumento del 3,4% dei consumi finali nazionali e del 2,4% degli investimenti fissi lordi. Le importazioni e le esportazioni sono aumentate, rispettivamente, del 2,3% e del 3,2%.

Per Nomisma, si tratta di una crescita strutturale: “L’Italia figura al secondo posto nel mondo dietro al Regno Unito – è l’analisi del capo economista Lucio Poma – è l’unica economia mondiale, assieme agli Stati Uniti (e probabilmente la Cina di cui non abbiamo i dati del secondo trimestre) a realizzare consecutivamente due trimestri positivi, segno di una crescita che mostra caratteristiche strutturali piuttosto che congiunturali”.

E prosegue: “Ampio è lo stacco italiano nei confronti della media Euro area (+2,0%), di Stati Uniti e Germania (entrambi a +1,6%) e del Giappone che cresce soltanto dello 0,3%: i nostri principali competitore internazionali crescono meno velocemente. Le prospettive per il Paese sono ottime – conclude l’esperto – unica preoccupazione la carenza di materie prime, tra le quali i semiconduttori così intimamente collegati ai nostri sistemi produttivi. È necessario prendere velocemente delle decisioni per fronteggiare questo importante potenziale vincolo alla nostra dinamica crescita futura”. (AGI)

(Agi)

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui