Ronciglione chiude il sipario su un’estate culturale senza eguali

194

Da Corrado Tedeschi a Cyrano de Bergerac, passando per Dante Alighieri, i misteri, i “terroni”, Gaia de Laurentiis e chi più ne ha… ne metta. Si chiude il sipario su “I viaggi dell’arte dell’estate ronciglionese”, che ha fatto alternare artisti e compagnie teatrali sui palchi del parco “Don Pacifico Chiricozzi” e quello del teatro “Ettore Petrolini”. Obiettivo principale quello di avvicinare la gente alla cultura, con bersaglio centrato da parte degli ideatori dell’iniziativa.
«Siamo arrivati alla conclusione di questo “viaggio”…- spiega Manuela Giorgetti, assessore alla cultura del Comune di Ronciglione – siamo partiti con l’associazione Artenova, l’istituzione Progetto Teatro “Ettore Petrolini” e il Comune con l’entusiasmo che si prova proprio prima di un lungo percorso. In questi due mesi, grazie alla varietà degli spettacoli, ci siamo emozionati con sentimenti diversi: il meraviglioso rapporto conflittuale tra genitori e figli, il ricordo di personaggi che hanno dato tutto al teatro italiano, il rapporto di coppia, le canzoni romane e napoletane che fanno parte della nostra vita, i personaggi storici e i classici della letteratura che abbiamo studiato a scuola… e i colori. Abbiamo affrontato tanti problemi e altrettanti ostacoli, ma li abbiamo superati grazie alla voglia di donare e di tornare a respirare il teatro». Poi ha aggiunto: «Il nostro impegno è stato ripagato dall’entusiasmo che abbiamo percepito negli occhi, nei commenti degli spettatori e dal riconoscimento del Ministero, che ci ha riempito di orgoglio e soddisfazione. E ringrazio i miei compagni di viaggio, senza i quali non saremmo neanche partiti: il presidente dell’istituzione Progetto Teatro Renzo Carosi, la direttrice amministrativa Simonetta Corsi, che ha curato anche il piano sicurezza, i consiglieri Valentina Vinci, Andrea Oriolesi e Tullio Morganti che, vorrei ricordare, lavorano gratuitamente; e ancora il direttore artistico Gino Auriuso, Francesca Serpe, il Sindaco Mario Mengoni e Massimiliano Morelli che, con la sua professionalità, ha curato i rapporti con la stampa».
In sintonia con le dichiarazioni dell’assessore Giorgetti, quelle del direttore artistico Gino Auriuso: «Siamo arrivati alla fine ed è stato un bell’impegno, un festival che è durato due mesi (2 luglio-28 agosto, nda), e nonostante le difficoltà dettate dalla pandemia è stata un’avventura ricca di grandi soddisfazioni: siamo riusciti a essere riconosciuti dal Ministero come festival di rilevanza nazionale». E ancora: «E’ stata un’avventura carica d’affetto: dimostrato dal pubblico che ha seguito e apprezzato gli spettacoli; piena di qualità: un programma artistico denso di spettacoli e attori della scena nazionale italiana. Da direttore artistico posso solo che ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo meraviglioso viaggio… dell’arte».

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui