LEDONNEXLEDONNE: iniziativa-appello in favore delle donne afghane

229

In questa situazione drammatica in cui migliaia di bambine, ragazze, donne in Afghanistan sono vittime inermi di rappresaglia per il solo fatto di essere donne, le donne italiane non stanno a guardare.

Vogliamo concretamente dare un supporto alle donne e alle loro famiglie che arriveranno dall’Afghanistan.Chiunque voglia e possa dia la propria disponibilità per:

  • l’accoglienza di donne o famiglie, offrendo sin d’ora un sostegno economico e morale per un periodo determinatol’accompagnamento
  • il disbrigo di pratiche varie (anagrafe, scuola, università);
  • l’insegnamento della nostra lingua;
  • l’assistenza medica;
  • la formazione e l’inserimento anche in piccoli contesti lavorativi;
  • l’assistenza legale
  • e tutto quanto possa servire a facilitarne l’accoglienza e l’orientamento nel nostro Paese per riprendere in mano le proprie vite ed alleviare la sofferenza di questi giorni drammatici.

Certamente auspichiamo la creazione di corridoi umanitari che consentano alle famiglie in difficoltà di lasciare l’Afghanistan, ma nel frattempo vogliamo raccogliere sin da subito l’adesione di quante più persone possibili (e in particolare, crediamo, delle donne) affinché vi sia un concreto supporto al lavoro delle organizzazioni dedicate alla gestione dei rifugiati e un segno tangibile della concreta volontà delle donne italiane di essere a fianco delle donne afghane.

Per aderire scrivi a info@ledonnexledonne.org indicando oltre al nome e cognome, comune di residenza, il tuo indirizzo email, il tuo numero di telefono e che tipo di disponibilità puoi offrire.

 

Chi siamo

“Vogliamo avere intorno a noi un mondo fatto per le donne e per gli uomini e rispettoso delle tante diversità che attraversano e gli uni e le altre”

Siamo le donne del movimento che ha organizzato la grande manifestazione del 13 febbraio 2011, scese in piazza per riaffermare la libertà, la presenza e la visibilità, la forza e l’autonomia delle donne e perseguire una vera e reale parità fra donne e uomini nel nostro Paese, combattendo le discriminazioni e gli stereotipi di genere che continuano a pervadere la società italiana.

Siamo donne differenti per età, professione, provenienza, appartenenza politica e religiosa. La pluralità politica, culturale e di credo, l’esplicita attenzione alle giovani e ai giovani, l’utilizzo di un linguaggio trasversale e plurale nella comunicazione sono alla base della nostra realtà associativa e le consideriamo una ricchezza.

Gli obiettivi, comuni a tanti movimenti femministi e femminili, sono quelli di promuovere energiche politiche di parità in tutti i campi e settori della società, evidenziando come non sia più possibile, per le donne, sottrarsi alla responsabilità politica, come non si possano tacere le poche tutele e le discriminazioni sul lavoro, la maternità tarpata da reali possibilità di scelta, la cultura maschilista della sopraffazione e del disprezzo che sfocia nell’emarginazione delle donne e nella violenza contro di loro, e ancora l’immagine femminile veicolata dall’informazione.

Due gli strumenti che utilizziamo per portare avanti questi obiettivi: lavorare per cambiare i modelli culturali che ancora imbrigliano la società con stereotipi e pregiudizi che ostacolano il raggiungimento della parità e fare una pressione sui decisori politici per cambiare leggi, inserire norme antidiscriminatorie, misurare e monitorare l’impatto di genere in ogni politica del Paese, e dei singoli territori.

Il movimento delle donne in Italia è stato, ed è, vasto ed importante, ha prodotto conquiste rilevanti ed una legislazione avanzata, ma la realtà quotidiana evidenzia come sia continuamente necessario ribadirle ed essere portavoci attive di nuovi e più profondi cambiamenti.

Siamo convinte che la forza collettiva delle donne possa smuovere la politica e di quanto sia importante muoversi a livello plurale ma non frammentario, con la capacità di sostenere le battaglie necessarie per raggiungere una parità equa concreta.

Il Comitato SeNonOraQuando? di Torino si è costituito in associazione nel luglio 2012.

Organigramma

Presidente: LAURA ONOFRI

Tesoriera: ELENA MARCHETTI

Direttivo: MILENA BOCCADORO, ALBERTINA BOLLATI, STEFANELLA CAMPANA, GABRIELLA CONGIU, ELEONORA DATA, MIRESI FISSORE, STEFANIA GRAZIANI, ENRICA GUGLIELMOTTI, ANNA SBURLATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui