La stampa Usa mette sotto accusa Joe Biden: “Vergognosa ritirata”

242

Durissime critiche della stampa al presidente Usa. Il WSJ scrive: “La dichiarazione di Biden di lavarsi le mani all’Afghanistan di sabato merita di essere considerata una delle più vergognose della storia da un comandante in capo in un simile momento di ritirata americana”

“La resa dell’Afghanistan di Biden”. Come gran parte della stampa Usa anche il Wall Street Journal accusa Biden di aver commesso un errore politico clamoroso in Afghanista. Secondo il WSJ “il presidente cerca di sottrarsi alla responsabilità di un disastroso ritiro”, tant’è che – scrive il Wsj – “la dichiarazione del presidente Biden di lavarsi le mani all’Afghanistan di sabato merita di essere considerata una delle più vergognose della storia da un comandante in capo in un simile momento di ritirata americana”.

Secondo il quotidiano, infatti, “mentre i talebani si avvicinavano a Kabul, Biden ha confermato l’abbandono degli Stati Uniti e si è assolto dalla responsabilità, ha indirizzato la colpa sul suo predecessore e ha più o meno invitato i talebani a conquistare il paese” cosicché “con quella dichiarazione di capitolazione, l’ultima resistenza dell’esercito afghano è crollata”.

E “l’autogiustificazione di sabato di Biden esemplifica la sua giusta disonestà. ‘Un anno in più, o cinque anni in più, di presenza militare degli Stati Uniti non avrebbe fatto differenza se l’esercito afghano non potesse o non volesse tenere il proprio paese’, ha detto Biden. Annota il Wsj: “Biden è più critico nei confronti del suo predecessore che nei confronti dei talebani. Il presidente ha trascorso sette mesi ostentatamente ribaltando una politica di Trump dopo l’altra sulla politica estera e interna. Eppure ora sostiene che la politica dell’Afghanistan è quella su cui non potrebbe fare nulla”. E sentenzia: “Questa è una patetica negazione della sua stessa agenzia, ed è anche una falsa scelta” ed è come se “Winston Churchill, con le sue truppe accerchiate a Dunkerque, avesse dichiarato che Neville Chamberlain lo aveva messo in questo pasticcio e che gli inglesi avevano già combattuto troppe guerre nel continente”, tant’è che “La scadenza per il ritiro di Trump è stata un errore, ma Biden avrebbe potuto aggirarla” invece ordinò un ritiro rapido e totale all’inizio della stagione annuale dei combattimenti in tempo per la data simbolica dell’11 settembre. La maggior parte della stampa americana dell’epoca ha salutato la sua decisione come coraggiosa”. Il risultato? “Appena quattro mesi dopo, è la peggiore umiliazione degli Stati Uniti dalla caduta di Saigon nel 1975”, conclude il Wsj.

“Vent’anni di errori in Afghanistan, ma questo disastro evitabile è su Biden” è l’opinione di Max Boot su The Washington Post, secondo cui “la calamità in Afghanistan mostra il lato oscuro del bipartitismo: questo è stato un disastro prodotto da quattro amministrazioni, due repubblicane (George W. Bush, Donald Trump) e due democratiche (Barack Obama, Joe Biden). Per il quotidiano americano, la sintesi è che “il presidente Bush ha fallito, dopo la caduta dei talebani nel 2001, nel non concentrarsi sulla costruzione di un governo e di un esercito afghani capaci – e invece, nel destinare le scarse risorse a una guerra a scelta in Iraq. Il presidente Obama ha esitato a ordinare un aumento delle truppe con una scadenza che ha incoraggiato i talebani ad aspettare le forze statunitensi. Il presidente Trump ha faticato a negoziare un accordo per il ritiro delle truppe che ha portato al rilascio di 5.000 prigionieri talebani nonostante la totale mancanza di progressi nei colloqui di pace. E ora il presidente Biden si è incartato nell’accettare l’accordo di Trump anche se i talebani non l’hanno fatto”, ovvero “non hanno mai rotto con al-Qaeda come avevano promesso di fare”.

“La rapida riconquista della capitale, Kabul, da parte dei talebani dopo due decenni di sforzi sanguinosi e incredibilmente costosi per stabilire un governo laico con forze di sicurezza funzionanti in Afghanistan è, soprattutto, indicibilmente tragica”, scrive il comitato editoriale del New York Times in un commento. “Tragico – scrivono i giornalisti d’opinione e competenti del NYTimes – perché il sogno americano di essere la ‘nazione indispensabile’ nel plasmare un mondo in cui i valori dei diritti civili, l’emancipazione femminile e la tolleranza religiosa si sono rivelati proprio questo: un sogno” ed “è tanto più tragico a causa della certezza che molti degli afgani che hanno lavorato con le forze americane e hanno accettato il sogno – e specialmente le ragazze e le donne che avevano abbracciato una misura di uguaglianza – sono stati lasciati alla mercé di uno spietato nemico”.

E anche se “l’amministrazione Biden aveva ragione a porre fine alla guerra, non c’era bisogno che finisse in un tale caos, con così poca previdenza per tutti coloro che hanno sacrificato così tanto nella speranza di un Afghanistan migliore”. Ma l’episodio si è rivelato anche “tragico, perché con l’amara divisione politica dell’America di oggi, gli sforzi per trarre lezioni critiche da questa calamitosa battuta d’arresto sono già stati irretiti in rabbiose recriminazioni su chi ha perso l’Afghanistan, brutta gioia maligna e bugie. A poche ore dalla caduta di Kabul, i coltelli erano già fuori”.

Il vincitore: il mullah Abdul Baradar

“Abdul Ghani Baradar dei telebani è il vincitore indiscusso di una guerra lunga 20 anni” è il titolo di un articolo di The Guardian che analizza il ritorno al potere del cofondatore del movimento.

Ma chi è Abdul Ghani Baradar? È il leader talebano “liberato da una prigione pakistana su richiesta degli Stati Uniti meno di tre anni fa”, traccia il profilo il quotidiano inglese, e mentre “Haibatullah Akhundzada è il leader generale dei talebani, Baradar è il suo capo politico e il suo volto più pubblico” ma il suo ritorno al potere “incarna l’incapacità dell’Afghanistan di sfuggire alle sanguinose catene del suo passato”, tant’è che “la storia della sua vita da uomo adulto è la storia del conflitto incessante e spietato del paese”. “Nato nella provincia di Uruzgan nel 1968 – scrive The Guardian – ha combattuto nei mujaheddin afgani contro i sovietici negli anni ’80. Dopo che i russi furono cacciati nel 1992 e il paese cadde in una guerra civile tra signori della guerra rivali, Baradar istituì una madrasa a Kandahar con il suo ex comandante e presunto cognato, Mohammad Omar. Insieme, i due mullah hanno fondato i talebani, un movimento guidato da giovani studiosi islamici dediti alla purificazione religiosa del Paese e alla creazione di un emirato” ma “Baradar ha svolto una serie di ruoli militari e amministrativi nel regime quinquennale dei talebani e quando è stato estromesso dagli Stati Uniti e dai suoi alleati afghani, era vice ministro della difesa”.

Tuttavia, osserva il quotidiano inglese, “durante i 20 anni di esilio dei talebani, Baradar aveva la reputazione di essere un potente capo militare e un sottile operatore politico. I diplomatici occidentali arrivarono a considerarlo come l’ala della Quetta Shura – la leadership raggruppata dei talebani in esilio – che era più resistente al controllo dell’ISI e più suscettibile di contatti politici con Kabul. In ogni caso, scrive The Guardian, “l’amministrazione Obama, tuttavia, era più timorosa della sua esperienza militare che di speranza per le sue presunte tendenze moderate. La CIA lo ha rintracciato a Karachi nel 2010 e nel febbraio dello stesso anno ha convinto l’Isi ad arrestarlo”, anche se si legge ancora nell’articolo, “nel 2018 l’atteggiamento di Washington è cambiato e l’inviato afgano di Donald Trump, Zalmay Khalilzad, ha chiesto ai pakistani di rilasciare Baradar in modo che potesse condurre i negoziati in Qatar, sulla base della convinzione che si sarebbe accontentato di un accordo di condivisione del potere”. E così Baradar “ha firmato l’accordo di Doha con gli Stati Uniti nel febbraio 2020, in quello che l’amministrazione Trump ha salutato come una svolta verso la pace, ma che ora sembra una semplice tappa verso la vittoria totale dei talebani”, ricostruisce a commenta il quotidiano.

(Agi)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui