5 Dicembre, 2022
spot_imgspot_img

Discarica Albano, sale la tensione: cittadini sdraiati davanti ai camion con i rifiuti di Roma

L’Associazione Salute Ambente Albano ha presentato esposto penale al nucleo operativo ecologico dei Carabinieri: “Verifichi stato falde acquifere e qualità rifiuti sversati”

Tensione alta ad Albano dove monta la protesta contro l’arrivo dei rifiuti di Roma. E’ ormai permanente il presidio di cittadini e associazioni davanti ai cancelli della discarica di Roncigliano: quella “fatta riaprire” dalla sindaca della Città Metropolitana, Virginia Raggi, per scongiurare l’ennesima emergenza rifiuti di Roma. L’invaso dei Castelli Romani, chiuso dal 2016 per un incendio all’impianto di trattamento meccanico biologico (TMB) collegato, individuato come sbocco necessario per gli scarti della Capitale che, non autosufficiente, rischiava di ritrovarsi con le strade ancora una volta sommerse di immondizia.

Albano, proteste davanti alla discarica

“Una scelta scellerata e dannosa” – l’ha definita il sindaco di Albano, Massimiliano Borelli“Raggi ci sta rovinando. Faremo tutto il possibile per ostacolare questa sua decisione: dobbiamo tutelare il nostro territorio perché la situazione delle nostre falde è critica”. 

I rifiuti di Roma ad Albano, dove la differenziata è al 79%. Il sindaco: “Raggi ci sta rovinando”

E ad Albano è stata un’alba di proteste e blocchi stradali. I cittadini si sono sdraiati in mezzo alla strada per impedire l’ingresso dei camion carichi di rifiuti romani nella discarica in località Roncigliano. Forze dell’ordine schierate e via Ardeatina parzialmente chiusa.

Cittadini sdraiati davanti ai camion con i rifiuti di Roma

“L’Arpa Lazio (agenzia regionale di protezione ambientale) che dovrebbe controllare lo stato delle falde acquifere e la qualità/quantità di rifiuti in arrivo ad Albano da Roma è completamente latitante, esattamente come l’ufficio rifiuti Lazio e come i dieci che non fanno sentire a dovere la propria voce, tranne qualche sporadico passaggio (poco incisivo) davanti ai cancelli” – ha scritto in una nota il direttivo di Salute Ambiente Albano.

Albano, i cittadini presentano esposto ai Carabinieri del NOE

L’Associazione, che si batte per la tutela ambientale e della salute della cittadina dei Castelli e delle sue frazioni, con particolare attenzione alla discarica sita in località Roncigliano, ha presentato 𝘂𝗻 esposto penale ai Carabinieri del NOE (nucleo operativo ecologico) chiedendo che i militari vadano a verificare “lo stato delle falde idriche intorno alla discarica di Albano; qualità e quantità dei rifiuti in arrivo da Roma, che appaiono trattati male e non stabilizzati; la irregolarità delle due volture che garantiscono il riavvio del sito, su cui grava una interdittiva antimafia definitiva”. L’ingresso dell’impianto resta blindato, sullo sfondo i cartelli e gli striscioni dei residenti di Albano: la città della provincia che non vuole i rifiuti di Roma.

(RomaToday)

Ultimi articoli