Whirlpool, nessuna marcia indietro sui licenziamenti. I lavoratori in piazza a Roma il 22 luglio

52

Manifestazione nazionale per protestare contro la decisione dell’azienda di procedere con i tagli nello stabilimento di Napoli

Non si fermano le azioni di protesta dei lavoratori di Whirlpool dopo la decisione della multinazionale di andare avanti con le procedure di licenziamento collettivo nello stabilimento di Napoli.

Giovedì 22 luglio le organizzazioni sindacali hanno convocato una manifestazione nazionale a Roma accompagnato da 8 ore di sciopero collettivo per protestare contro quella che viene definita “arroganza” da parte dell’azienda.

“Le lavoratrici e i lavoratori Whirlpool – si legge nella nota inviata dalle segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm insieme con il coordinamento sindacale di Whirlpool – saranno in sciopero e in piazza a Roma giovedì prossimo contro l’arroganza dell’azienda che ha aperto le procedure di licenziamento in barba alle richieste di sindacati e governo di utilizzare prima le 13 settimane di cassa integrazione previste dall’intesa sottoscritta da Cgil, Cisl, Uil e Confindustria con il governo».

(RomaToday)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui