Ranucci si ribella alla sentenza anti-Report del Tar: “Non sveleremo le nostre fonti nemmeno da morti”

129

Il conduttore della trasmissione di inchiesta commenta il pronunciamento che obbliga a dare accesso agli atti alla base di una puntata che riguardava l’avvocato Andrea Mascetti”

Una reazione durissima verso un provvedimento davvero discutibile.

E la replica della trasmissione d’inchiesta non si è fatta attendere.

“La sentenza del Tar del Lazio è gravissima. Viola la Costituzione, viola la libertà di stampa. Una sentenza miope che paragona il lavoro giornalistico a degli atti amministrativi. E’ come se Ilaria Alpi fosse morta per degli atti amministrativi. Una sentenza che crea di fatto giornalisti di serie A e di serie B: quelli che lavorano nel servizio pubblico non possono tutelare le proprie fonti, gli altri sì. E’ un attacco senza precedenti, dovuto alla debolezza delle Istituzioni in generale e alla delegittimazione della politica nei confronti del giornalismo di inchiesta. Report non svelerà le proprie fonti, non darà gli atti a Mascetti, non lo faremo neppure da morti. Devono venire a prenderli con l’esercito”.

Così il conduttore di Report, Sigfrido Ranucci, commenta la sentenza del Tar del Lazio che obbliga la Rai a dare all’avvocato Andrea Mascetti gli atti relativi al servizio giornalistico che lo riguarda nell’ambito della puntata di Report, ‘Vassalli, valvassori e valvassini’, del 26 ottobre 2020.

(Globalist)

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui