Gli indagati ammettono: “Il freno è stato manomesso”. Tre arresti nella notte

143

Tra i fermati Luigi Nerini, proprietario delle ferrovie del Mottarone. I pm: “Sviluppo inquietante”. Forchettone non rimosso volutamente, gli indagati hanno ammesso

 

Spiegano i pm, il freno della funivia del Mottarone è stato “manomesso per evitare il blocco”. I fermi, per l’incidente che ha causato 14 morti, sono arrivati dopo degli interrogatori. Tra i fermati figura anche Luigi Nerini, proprietario della Ferrovie del Mottarone.

La manomissione degli impianti, ha spiegato la procuratrice capo di Verbania Olimpia Bossi, è stata “un gesto materialmente consapevole”. Non si tratterebbe solo di una tesi degli inquirenti. Ai microfoni di Buongiorno Regione, su Rai Tre,  il comandante provinciale dei carabinieri di Verbania, tenente colonnello Alberto Cicognani, ha dichiarato:  “Il freno non è stato attivato volontariamente? Sì, sì, lo hanno ammesso”, dice l’ufficiale dell’Arma ai microfoni di Buongiorno Regione, su Rai Tre. “C’erano malfunzionamenti nella funivia, è stata chiamata la manutenzione, che non ha risolto il problema, o lo ha risolto solo in parte. Per evitare ulteriori interruzioni del servizio, hanno scelto di lasciare la ‘forchetta’, che impedisce al freno d’emergenza di entrare in funzione”.

La pm ha dato ulteriori dettagli. Ha spiegato che sulla cabina precipitata è stata messa la ‘forchetta’, ovvero il dispositivo che consente di disattivare il freno, e non è stata rimossa per “evitare disservizi e blocchi della funivia. Il sistema presentava delle anomalie e avrebbe necessitato un intervento più radicale con un blocco se non prolungato consistente”.

I tre fermi disposti nella notte dalla Procura di Verbania sono “uno sviluppo consequenziale, molto grave e inquietante, agli accertamenti che abbiamo svolto. Nella convinzione che mai si sarebbe potuto verificare una rottura del cavo si è corso il rischio che ha purtroppo poi determinato l’esito fatale”, ha spiegato ancora Olimpia Bossi

(Globalist)

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui