Netanyahu, il “Pirro” d’Israele e il patto non scritto con Hamas

112

Nel suo viaggio quotidiano dentro la quarta guerra di Gaza, per comprenderne al meglio ragioni e obiettivi, Globalist si accompagna con gli analisti politici israeliani Alon Pinkas e Dmitry Shumsky.

Nel suo viaggio quotidiano dentro la quarta guerra di Gaza, per comprenderne al meglio ragioni e obiettivi, Globalist si accompagna, in questa tappa, con due dei più autorevoli analisti politici israeliani, firme storiche di Haaretz: Alon Pinkas e Dmitry Shumsky.

La “tatticalizzazione della strategia”

Scrive Pinkas: “La ‘tatticalizzazione della strategia’ è un termine che, pur non essendo unicamente israeliano, cattura il pensiero strategico spesso difettoso di Israele. È stato concepito da Yehoshafat Harkabi, ex capo dell’intelligence militare e per molti decenni professore di relazioni internazionali e studi sulla guerra all’Università ebraica. Usato frequentemente da Harkabi, il termine è stato sviluppato come concetto esplicativo e ammonitorio nella sua opera magna, Guerra e strategia(1999).

‘Tatticalizzazione della strategia’ significa che un paese sta sostituendo, o confondendo, la tattica militare con la strategia politica. In assenza di una strategia chiara, coerente e mirata – per scelta o a causa di vincoli politici – un paese è spinto ad attuare una serie di mosse tattiche, militari e diplomatiche conseguenti. Quando queste si dimostrano vincenti, i decisori si illudono e ingannano nel credere di avere una strategia, spesso brillante. Sapevamo cosa stavamo facendo e ha funzionato, giusto? Di fatto, non è successo. Nessuna strategia significa che non c’è uno slancio politico che entra in un conflitto, e nessun risultato politico definito e desiderabile che ne esce. Inoltre, i risultati tattici spesso si rivelano meno impattanti di come vengono commercializzati. Celebrare un trionfo tattico come se fosse un colpo di genio strategico è parte integrante della ‘tatticalizzazione della strategia’. Se questo funzionasse davvero, l’attuale confronto a Gaza non sarebbe il quarto negli ultimi nove anni. Se funzionasse, sapremmo già quali sono gli obiettivi politici di Israele nei confronti di Hamas, e da lì potremmo dedurre l’endgame. Ma non c’è nessun gioco finale perché non c’è mai stato un ‘Gioco Iniziale’, solo circostanze, errori di calcolo, provocazioni politiche, e l’inevitabile e giustificabile necessità di reagire con forza. Gaza è l’epitome della ‘tatticalizzazione della strategia’ di Israele. Fino agli ultimi anni, Israele non ha mai deciso cosa fare con Hamas – un’organizzazione terroristica radicale islamista, guidata dall’Iran, che controlla Gaza, nel cortile di casa di Israele. Il rapporto costo-efficacia di un’incursione a Gaza per rovesciare Hamas sembra troppo alto e politicamente pericoloso. Allora, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha trovato una formula: Rafforzare Hamas e per estensione indebolire l’Autorità Palestinese, assolvendo così Israele da qualsiasi necessità di impegnarsi in un processo politico con i palestinesi con la motivazione:’Come si può negoziare con Hamas?’

Nel 2012, 2014, 2018 e ora nel 2021, le operazioni Israele-Hamas a Gaza seguono uno schema e una sequenza identici che è un prevedibile rituale ‘risciacqua e ripeti’. Hamas, con l’aiuto della Jihad islamica palestinese e il sostegno dell’Iran, costruisce una considerevole, anche se poco sofisticata, capacità missilistica. Senza un ‘processo di pace’, o anche solo una parvenza di esso, e sotto un peso economico e demografico straziante, il calderone di Gaza raggiunge livelli intollerabili. Allo stesso tempo, Hamas ha bisogno di mostrare che è forte e che resiste a Israele meglio dell’Anp guidata da Fatah in Cisgiordania. Attende un’opportunità. Quando se ne presenta uno – per esempio, le politiche di Israele a Gerusalemme Est e sul Monte del Tempio – Hamas fa una roboante minaccia di far piovere fuoco e distruzione. Israele “valuta” immediatamente che Hamas non è interessata, né può permettersi il confronto, perché è ‘scoraggiata’ e sicuramente capisce il calcolo profitto-perdita.

In realtà, Hamas fa sul serio, può sostenere la perdita ed è palesemente imperterrito. Hamas poi mantiene la minaccia e lancia diversi razzi dalla Striscia di Gaza, mirando ai centri della popolazione israeliana.

La tendenza ad analizzare Hamas come un attore politico nel più ampio contesto israelo-palestinese spesso fa dimenticare che si tratta di un’organizzazione terroristica assassina, vile ed estremista, non della filiale gazawa della Jefferson Literary and Debating Society. Questo è ciò che Hamas è e questo è ciò che fa, indipendentemente dalle condizioni abiette di Gaza.

Israele reagisce immediatamente, usando tutti i mezzi avanzati e l’intelligence a sua disposizione. Hamas aumenta le salve di razzi, il che costringe Israele a intensificare gradualmente la portata e la potenza di fuoco della sua operazione.

Gli Stati Uniti inizialmente stanno dalla parte di Israele, sostenendo ‘il diritto di Israele all’autodifesa’ e ammonendo alla ‘moderazione’. Questo è l’equivalente mediorientale del vuoto e insignificante ‘I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno…’ dopo ogni sparatoria di massa in America.

Questa fase dura – quasi sempre – 96 ore. Poi la comunità internazionale, sensibile ai filmati cruenti che emergono da Gaza e dalle città israeliane, reagisce. L’Europa condanna la violenza, Israele incolpa l’Europa, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU entra in azione con un’altra sessione d’emergenza, gli Stati Uniti si oppongono alla formulazione e poi mettono il veto alla risoluzione proposta. Dopo altre 48 ore, gli Stati Uniti cominciano a cambiare tono e si parla di un “cessate il fuoco”. Il presidente Joe Biden (due volte), il segretario alla Difesa Lloyd Austin, il presidente della Commissione Relazioni Estere del Senato, il senatore Robert Menendez, e una lettera di 12 membri della Camera firmata, tra gli altri, da Jerry Nadler, Jamie Raskin e Jan Schakowsky, sono serviti a questo scopo. Poi, l’Egitto, il Qatar e chiunque altro abbia leve di influenza viene coinvolto, e si mette in moto un cessate il fuoco, tornando essenzialmente allo status quo ante.

La fase finale evidenzia l’inutilità di tutto questo: La battaglia di ‘Chi ha vinto?’. Ma quando non si ha una strategia su cosa fare con Hamas e Gaza, non si può vincere. È così semplice. Si possono avere dei risultati tattici impressionanti, ma Hamas ricostruirà, perché Israele lo facilita e gli permette di farlo.

Gli psicologi politici e gli esperti di comunicazione spiegano che questa è davvero una battaglia sulla ‘coscienza’ e sulle ‘percezioni di vittoria’; che Israele e Hamas sono ora alla ricerca di una ‘immagine di vittoria’ – una vittoria decisiva che imprimerebbe indelebilmente ‘Vittoria’ nella mente della loro gente.

Ma ecco il punto: quando non c’è una strategia e il conflitto è per definizione asimmetrico, non ci sono vittorie decisive. In effetti, non c’è altro che un brutto e sanguinoso preambolo al prossimo round che seguirà lo stesso identico copione e sequenza.

È uno stallo preordinato. Quando uno dei militari più avanzati e sofisticati del mondo si vanta di avere ‘160 jet in volo’ come se questa fosse la Battaglia d’Inghilterra del 1940 o la Guerra dello Yom Kippur del 1973, o quando i media israeliani riportano che la marina ha distrutto ‘decine di obiettivi navali di Hamas’ come se questa fosse la Battaglia delle Midway, non significa che avete vinto. Quando un’organizzazione terroristica lancia razzi con l’obiettivo esplicito di uccidere indiscriminatamente i civili, e come risultato diretto infligge un’enorme distruzione, disperazione e morte al suo stesso popolo, come può essere una ‘vittoria’?

Le vittorie tattiche di una potenza di gran lunga superiore non sostituiscono la strategia. La questione di Gaza e di Hamas richiede una strategia, non operazioni militari alla ‘Groundhog Day’. La questione più ampia dell’impasse israelo-palestinese e della realtà non sarà risolta da tecnologie spettacolari contro i tunnel. L’autodifesa è un imperativo: usare il proprio potere enormemente superiore non dovrebbe essere spiegato o scusato. Ma supporre che questa sia una strategia che avvantaggia Israele è una pericolosa negazione di sé”, conclude Pinkas

Il “Patto non scritto”

“La maggior parte degli israeliani  – annota Shumsky – non conosce la ragione che sta alla base dell’estrema sfacciataggine di Hamas, che sta lanciando attacchi missilistici che stanno colpendo le nostre vite come mai prima d’ora. Il motivo è che i leader di questa organizzazione terroristica sanno che Israele sotto Benjamin Netanyahu non solo è riluttante a porre fine alla presa di Hamas su Gaza, ma vuole preservarla..”.

Insomma – aggiungiamo noi – un dividi et impera in chiave israeliana.

“Emblematico in tal senso  -rimarca ancora Shumsky – è un tweet di Channel 13 News del 20 maggio 2019 che cita l’ex presidente egiziano Hosni Mubarak: ‘Netanyahu non vuole una soluzione a due stati, preferendo una separazione tra Gaza e la Cisgiordania, come mi disse nel 2010’. Mubarak ha affermato questo in un’intervista al giornale kuwaitiano al-Anba.

Senza dubbio, il piromane di corte di Netanyahu, il ministro della Pubblica Sicurezza Amir Ohana – sotto la guida del suo capo o di sua iniziativa per compiacere il suo riverito padrone – ha agito in modo calcolato per alimentare le provocazioni della polizia sul Monte del Tempio e a Gerusalemme Est durante il mese di Ramadan. L’idea era che la conflagrazione avrebbe bruciato ogni speranza di formare un governo favorevole al cambiamento, trascinando il paese in una quinta elezione, con la destra che si assicurava una vittoria schiacciante in seguito alla radicalizzazione dell’opinione pubblica dopo un nuovo sanguinoso round nel conflitto israelo-palestinese.

Per sventare questo piano malevolo, il centro-sinistra deve aprire gli occhi all’opinione pubblica e inondare gli israeliani di prove concrete che il rafforzamento del dominio di Hamas a Gaza è parte integrante della strategia diplomatica di Netanyahu, che mira a impedire anche solo una traccia di possibilità di tornare al tavolo dei negoziati con una leadership palestinese moderata. Il pubblico deve riconoscere questa semplice equazione: La continuazione del governo di Netanyahu, così come di qualsiasi coalizione di destra che si oppone a una soluzione diplomatica e a una divisione del territorio, significa la continua fioritura di un governo di Hamas e ulteriori lanci di razzi di routine e letali contro Israele. Bibi ha bisogno di un Hamas forte; questo dovrebbe essere il nuovo slogan degli oppositori di Netanyahu”, conclude l’analista di Haaretz.

Una buona idea.

(Globalist)

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui