In Germania gli 007 monitorano il movimento di estrema destra xenofoba Pegida

106

Nato nel 2014 come movimento di protesta contro l’islamizzazione della società tedesca per i rifugiati è diventato anticostituzionale

 

La Germania usa tutti i mezzi per contrastare l’avanzata o la nascita di nuovi movimenti xenofobi, razzisti o che vogliano portare alla ribalta i vecchi slogan nazisti, tutti completamente fuori dal perimetro costituzionale tedesco.
E così che il movimento xenofobo e anti-Islam Pegida verrà monitorato dai servizi di intelligence tedeschi per l’Interno nel Land della Sassonia. Stando a quanto dichiarato dall’Agenzia per la protezione della Costituzione, Pegida costituisce “una componente ineludibile dell’ambiente estremista di destra”.
Nato alla fine del 2014 come movimento di protesta contro quella che considerava un’eccessiva islamizzazione della società tedesca derivante dall’immigrazione e dall’aumento dei richiedenti asilo, Pegida si è “evoluto in un movimento anticostituzionale nel corso degli anni”, ha affermato a Dresda il capo dell’agenzia in Sassonia, Dirk-Martin Christian.
Immediata la reazione del gruppo: il suo fondatore, Lutz Bachmann, ha annunciato che verrà avviata un’azione legale contro la decisione che consente all’agenzia di raccogliere informazioni sulla formazione.
Il ministro dell’Interno del Land, il cristianodemocratico Roland Woeller

(Globalist)

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui