Il direttore di Rai3 Di Mare attacca Fedez: “Da lui manipolazione dei fatti, nessuna censura”

108

La polemica sul concerto del Primo Maggio arriva alla commissione di Vigilanza della Rai: “L’azienda è stata crocifissa e condannata prima ancora che salisse sul palco. Dovrebbero scusarsi”

 

Lo scontro non sembra avere termine: “Si tratta di una polemica basata sulla manipolazione dei fatti, che avrebbe dovuto dimostrare nelle intenzioni dell’autore l’esistenza di una censura che non c’è mai stata”.
Lo ha dichiarato il direttore di Rai3, Franco Di Mare, in audizione alla Camera sul caso Fedez. Il cantante al Concertone del Primo Maggio aveva accusato la Rai di aver tentato di censurarlo. Il presidente della Commissione di Vigilanza, Alberto Barachini: “Gestione confusa dell’evento”.
La Rai “è stata crocifissa e condannata prima ancora che Fedez salisse sul palco”, ha sottolineato Di Mare. “Possiamo rimediare? Mi auguro di sì, ma il danno è gigantesco. La Rai e Ilaria Capitani si aspettano delle scuse che non arriveranno mai, temo”.

 “Telefonata montata e manipolata” – La telefonata al centro del caso “viene montata spostando domande e risposte e tagliata, così diventa un’altra cosa, con un tono e un significato completamente diversi”, ha proseguito il direttore di Rai3. “Non è la stessa telefonata, il testo pubblicato da Fedez non è neanche un riassunto, è una manipolazione per alterare il senso delle cose. Vorrei anche concedergli la buonafede, ma il giorno dopo lui accusa la Rai, dice che la colpa è della Rai, dice che Ilaria Capitani alla domanda ‘allora posso salire sul palco o no?’ C’è un silenzio assordante ma non è vero, lei risponde ‘assolutamente’. Io non so se l’ha fatto per avere più visibilità, più like o più visualizzazioni, ma non è censura. Che c’entriamo noi con questo? La manipolazione in alcuni Paesi è un reato e forse si configura come tale anche nel nostro quando si diffama una rete e un’intera televisore. Si tratta di un imbroglio”.

 “Narrazione fondata su un dato corrotto” – “Dopo che la telefonata viene pubblicata sui media – ha affermato ancora Di Mare – Fedez pubblica la versione integrale, non quella di prima, ma aveva ottenuto l’effetto voluto.  E del resto già prima di salire sul palco si era spostato l’asse sulla Rai cattiva che l’aveva censurato, ma non è vero, tutta la narrazione è fondata su un dato corrotto. Intanto i diritti del lavoro spariscono, anche i diritti Lgbt, Ilaria Capitani viene considerata autore della narrazione e questo è infamante. Nessuno si prende il tempo per una verifica più attenta, tutti sono stati vittime di una manipolazione, di una verità aggiustata. Stiamo vivendo “tempi orribili, dove la verità è morta e annientata dalla velocità del web. Tutti dicono ‘niente censure io sto con Fedez’ ancora prima di conoscere le cose. E’ stato un danno gigantesco perché la bugia corre più veloce della verità.

(Globalist)

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui