In relazione all’ U.D.A. (unità  di apprendimento) di Educazione civica del II^ quadrimestre che i docenti dell’Istituto Comprensivo di Bracciano, così come tutti i colleghi delle scuole di ogni ordine e grado, hanno dovuto sviluppare erogando agli allievi non meno di 17 ore di insegnamento a livello trasversale, i professori del plesso delle medie di via Carlo Marchi hanno proposto, come argomento, alla maggior parte delle classi prime ed alla luce degli obbiettivi dell’Agenda ONU 2030, il problema, attualmente molto sentito e dibattuto, del RISPETTO dell’AMBIENTE circostante e della prospettiva della sua RIQUALIFICAZIONE con interventi  mirati e diretti sugli spazi scolastici, sotto la guida proprio del corpo docente.

Forniti di guanti, ramazze, palette e rastrelli, messi a disposizione dai collaboratori scolastici del plesso, muniti di mascherina  e distanziati tra di loro in modo da garantire elevati standard di sicurezza anticovid, gli alunni della 1E, ad esempio, hanno lavorato alacremente alla pulizia dell’aula verde, sradicando erbacce, raccogliendo foglie morte e riempiendone una buona decina di sacchi poi, in un secondo momento,  correttamente smaltiti.

I docenti, che si sono alternati alla guida del lavoro pratico degli allievi, hanno previsto anche di condurre un’attività di potatura dei rami, di misurazione delle dimensioni degli spazi esterni dedicati alla didattica (poi riportate in scala su foglio da disegno) e di produzione di elaborati grafici  a carattere botanico.

Anche l’aiuola collocata immediatamente a sinistra dell’atrio, all’ingresso al plesso di via Carlo Marchi, è stata presa in carico, per la cura e la gestione, da una classe prima, la 1C nello specifico, la quale, sotto la guida esperta dei suoi insegnanti e mantenendo sempre gli stessi alti standard di sicurezza tramite il distanziamento interpersonale, si è occupata di porre a dimora fiori e piantine.

Di fronte all’aiuola in oggetto, affinché possa essere visibile dall’alto, sta inoltre pian piano prendendo forma un disegno in 3D, rappresentante i nostri lago e castello, che i professori di arte, alla guida di piccoli gruppi di studenti a classi aperte, in orario extracurricolare, stanno con cadenza settimanale completando per abbellire e riqualificare lo spazio dell’atrio del succitato plesso scolastico.

Numerosi altri alunni di prima, inoltre, nello specifico quelli appartenenti  alla 1I, stanno procedendo alla riqualificazione del  laboratorio di arte attraverso la pittura delle sue pareti interne per mezzo di disegni, prima riportati su bozzetti, tratti dal film AVATAR (presentato nella sua tematica ambientalista, anche se la vicenda si svolge su un pianeta  di un altro sistema solare) proposto in visione alla classe che, oltre a produrre una relazione scritta sulle tematiche affrontate, si è cimentata anche nel disegno, guidata dai docenti di arte, sulle pareti del laboratorio artistico.

Il mondo e lo spazio quotidiano che ruotano attorno ai nostri ragazzi ospitandoli per una buona parte della giornata, cinque giorni su sette, pur in tempo di pandemia, essendo praticamente riusciti a non chiudere mai, sta ricevendo, attraverso questa serie di attività  mirate, cure ed attenzioni da parte degli allievi i quali, guidati dai loro docenti, si stanno alacremente adoperando in maniera pratica per riqualificare diversi ambienti della loro scuola, mettendo in atto encomiabili capacità operative e laboratoriali. Queste ultime, attraverso l’operatività e il fare, facilitano l’apprendimento e  afferiscono a molteplici tipi di  intelligenza.

I docenti dell’Istituto comprensivo di Bracciano hanno entusiasticamente coinvolto gli studenti e le studentesse della scuola media S. Giovanni Bosco, cui va indirizzato il giusto riconoscimento ed il plauso della comunità educante, in una tipologia di didattica pratica che, oltre a facilitare l’apprendimento, una volta visibili i risultati degli interventi effettuati, è in grado di produrre profonda gratificazione e soddisfazione personale,  sia tra il corpo docente, sia tra i discenti che, in tali molteplici attività di cura e abbellimento della propria scuola, si sono decisamente messi alla prova ed impegnati.

Prof.ssa Grazia Lovino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui