A Dongo i fascisti commemorano Mussolini protetti pure dalla polizia

33

Nonostante gli appelli nessuno ha mosso un dito per fermare l’ennesima provocazione. La protesta dell’ Anpi

 

Tanti avevano chiesto invano un intervento delle autorità per bloccare l’ennesima provocazione fascista. Ma nulla da fare.

In questo paese di fronte al fascismo e ai fascisti molto spesso si dimentica la costituzione e si alza bandiera bianca. E come la vergogna c’è stata.

Attimi di tensione questa mattina, in occasione di una serie di eventi organizzati, come ogni anno, per omaggiare i gerarchi fascisti fucilati sul lungolago di Dongo e Benito Mussolini, ucciso insieme a e Claretta Petacci di fronte ai cancelli di Villa Belmonte, a Giulino di Mezzegra, nel comasco.

Una cinquantina di manifestanti si è data appuntamento intorno alle 8.30 in piazza Paracchini a Dongo per la commemorazione fascista e, contemporaneamente, circa duecento tra esponenti di Anpi, Cgil e gruppi antifascisti è intervenuto rispondendo con slogan, canti e battimani durante il rito della chiamata al ‘presente’.

A vigilare su tutto la polizia, con agenti in assetto anti sommossa, che hanno disposto barriere e camionette per tenere separati i due schieramenti.

“Il fatto che venga permessa una manifestazione del genere è una offesa agli italiani”, dice Guglielmo Invernizzi, presidente dell’Anpi provinciale di Como.

La manifestazione, spiega, viene autorizzata da questura e prefettura: “Da tempo abbiamo sollevato il problema -spiega- ma anche quest’anno, in questo senso, non si è cavato un ragno dal buco”.

“Proprio l’altroieri -avverte- abbiamo incontrato il prefetto, ma le risposte sono state che non è possibile proibire a priori una manifestazione per rispetto alla libertà di espressione, costituzionalmente garantita, e certamente non è possibile sapere se verranno commessi dei reati”.

Il fatto, poi, è che “la forze dell’ordine possono presentare rapporto di denuncia per i fatti che violano la legge Mancino sull’apologia di fascismo, ma se la magistratura non le porta avanti, la prefettura non può fare nulla”.

“Secondo loro, quindi, così come danno il permesso a noi di manifestare, anche loro hanno il diritto a ricevere lo stesso trattamento”.

Ma “la Costituzione dice che il partito fascista non può essere costituito sotto nessuna forma”. E, soprattutto, “non può esserci una contrapposizione sullo stesso piano delle ragioni degli antifascisti e di quelle dei fascisti.

Non possiamo accettare che ci considerino tali a quali a loro, sarebbe un’offesa all’Italia che ha fatto la resistenza e ha pagato con la vita la difesa di uno Stato libero”.

(Globalist)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui