La svolta di Biden: “Basta tagliare le tasse ai ricchi, paghino il giusto per aiutare la ripresa”

70

Il presidente nel suo primo discorso al Congresso fa proprie le parole d’ordine della sinistra: il 55% delle corporation lo scorso anno ha pagato zero tasse

Parole che sembrano segnare davvero un cambio di passo e una svolta che dal cosiddetto ‘grigio’ e centrista Biden pochi si aspettavano.

“La trickle down economy non ha mai funzionato, è arrivato il momento di far crescere l’economia dal basso e dal centro verso l’alto”.

Così Joe Biden nel suo primo discorso al Congresso ha rovesciato il diktat economico repubblicano, ed alla base della politica di tagliare le tasse ai più ricchi con l’idea che poi tutti ne avranno benefici, annunciando l’intenzione di alzare le tasse per i redditi più alti e le corporation per pagare i piani per le infrastrutture da 2,25 trilioni e quello da 1,8 trilioni per investimenti sociali in favore delle famiglie a basso e medio reddito.

“E’ arrivato il momento che le corporation e l’un per cento dei più ricchi d’America paghino il dovuto”, ha detto ancora il presidente, usando la famosa formula dell’un per cento, coniata dai movimenti della sinistra americana, ma sottolineando di non essere mosso da desiderio di punire i più ricchi, ma sono dalla necessità che questi “paghino il giusto”.

Dal momento, ha detto ancora, che secondo uno studio dell’Institute on Taxation and Economic Policy il 55% delle corporation lo scorso anno avrebbero pagato zero tasse.

“L’American Jobs Plan è un progetto operaio per costruire l’America , Wall Street non ha costruito questo Paese, l’hanno costruito il ceto medio ed i sindacati hanno costruito il ceto medio”, ha detto ancora Biden in un discorso con toni ed argomenti che sembravano riecheggiare un discorso elettorale di Bernie Sanders, il campione e simbolo della sinistra dem da lui sconfitto alle primarie.

Nel suo discorso Biden ha parlato a lungo del piano da 2,3 trilioni per ricostruire lo scheletro delle infrastrutture invecchiate dell’America ed allo stesso tempo ricostruire il ceto medio dei ‘blue collar’ americani, dicendo che il 90% dei lavori che verranno creati non richiederanno la laurea. Un piano che verrà finanziato portando le tasse per le corporation dal 21% al 28%.

Mentre il piano da 1,8 trilioni per le famiglie intende rafforzare l’assistenza all’infanzia, istituire le scuole materne per tutti, offrire due anni di community college, istituti di istruzione superiore, gratuiti a tutti gli americani e garantire aspettative familiari e mediche pagate. Il piano prevede anche ingenti sgravi fiscali per i redditi medio bassi, mentre invece prevede di riportare l’aliquota dal 37% al 39,6% per i redditi superiori al milione, annullando la “manna dal cielo” dei tagli di Donald Trump del 2017.

(Globalist)

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui