Danneggia l’ambasciata della Costa d’Avorio e aggredisce i poliziotti: scatta piano antiterrorismo

67

Sul posto sono stati inviati gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine, Sezione Volanti, Distretto Salario e Commissariato Porta Pia che hanno circondato la struttura

 

Armato con un grosso tubo ha distrutto vasi e vetrata d’ingresso agli uffici, infranto plafoniere e danneggiato un distributore di bevande dell’Ambasciata della Costa d’Avorio a Roma. A notarlo, sabato scorso, un passante che vedendo l’uomo “armato”, ha chiamato il Numero Unico per le Emergenze.

Essendo l’Ambasciata considerato un “obiettivo sensibile”, immediato, è scattato il piano antiterrorismo, coordinato dalla Centrale Operativa della Questura. Sul posto sono stati così inviati gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine, Sezione Volanti, Distretto Salario e Commissariato Porta Pia che hanno circondato la struttura.

Simultaneo è stato l’invio della squadra antiterrorismo dell’Unità Operativa Primo Intervento che ha effettuato due bonifiche. Nella prima è stato rintracciato – al piano terra – un cittadino malese, impegnato a distruggere alcuni suppellettili. Lo straniero, nonostante abbia opposto una strenua resistenza agli agenti, è stato bloccato e arrestato. La seconda bonifica è stata eseguita subito dopo in tutte le stanze presenti all’interno dell’ambasciata.

L’arrestato, durante la perquisizione è stato trovato in possesso di alcuni documenti sottratti all’interno dell’edificio che sono stati riconsegnati a personale diplomatico. Il 31enne originario del Mali è stato arrestato per “resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, furto, danneggiamento e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere”. Sequestrato il tubo da cantiere in ferro rinvenuto nei pressi della porta d’ingresso laterale.

(RomaToday)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui