Letta contro la morte in mare dei migranti e Gasparri si scandalizza: “Così crisi di governo”

54

L’ex missino ora in Forza Italia se la prende con il segretario del Pd che non vuole più affogati: “Vogliamo sicurezza non invasione”

La posizione di Letta dopo il naufragio nel Mediterraneo è stata chiara e puntuale contro una certa politica di chiusura della destra.

“I voti si possono perdere, la dignità non la trovi più quando si lasciano morire in mare delle persone, è contro le legge del mare, a prescindere che siano migranti o no”.

Il primo a prendersela è uno che con quel tipo di politica ci è cresciuto, Maurizio Gasparri, adesso in Forza Italia, ed è stato alleato di chi i porti li ha chiusi.
“Enrico Letta propone in televisione una politica irresponsabile sull’immigrazione. Riproponendo in pratica porti aperti e più ingressi in Italia. Dice che per lui questo non è negoziabile. Se volesse imporre al governo una linea del genere causerebbe la fine del governo. La tesi di Enrico Letta e del Pd va respinta al mittente”.

“L’Italia ha bisogno di sicurezza e non di invasione – prosegue – Letta sta sabotando il governo perché evidentemente è invidioso del fatto che Draghi è riuscito in Europa a raggiungere risultati che il governo formato da grillini e PD non aveva ottenuto. Quindi scarica la sua invidia sul governo. Un governo immigrazionista sarebbe da archiviare. Letta sarà quindi deluso e sconfitto”.

(Globalist)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui