VITERBO E PROVINCIA: UN APPELLO PER LA GESTIONE PUBBLICA E DEMOCRATICA DELL’ACQUA

142

L’imminente assemblea dei soci di Talete Spa, convocata con l’obiettivo dichiarato del “superamento dell’In House Providing (società totalmente pubblica) e scelta sul mercato di un player industriale del 40% delle quote

rappresenta l’ennesimo, volgare tentativo di forzare la mano e consentire l’ingresso dei privati nella gestione dell’acqua, in barba alla volontà popolare, espressa in maniera netta anche dai cittadini della provincia di Viterbo col referendum del 2011, e contro i principi ispiratori della Legge regionale n. 5 del 2014, votata all’unanimità nel Consiglio Regionale del Lazio ma tuttora non attuata.

Da anni viene prospettato l’ingresso dei privati come unica possibilità di salvezza dei conti di Talete Spa, omettendo che, come noto, il privato ha a cuore i propri profitti, a prescindere dalla qualità del servizio erogato. Significativo l’esempio di ACEA, gestore per Roma Capitale e la sua Area Metropolitana, che nonostante i disservizi per i cittadini e la carenza d’acqua che ha portato a captazioni selvagge dal Lago di Bracciano, ormai fortemente compromesso, nello stesso periodo ha distribuito milioni e milioni di utili ai vari soci.

L’obiettivo di far entrare i privati in Talete risulta ancor più odioso perché avviene in un momento in cui sempre più inchieste, giornalistiche e giudiziarie, e il costante lavoro dei comitati per la difesa dell’acqua quale bene comune pubblico stanno mettono in luce le gigantesche negligenze e le odiose ingiustizie della gestione Talete.

Per queste ragioni:

  1. Ribadiamo la ferma contrarietà all’ingresso di soci privati in Talete e invitano tutti i sindaci a votare in tal senso nella seduta dell’assemblea dei soci convocata per il giorno 26/04/2021 presso la sede del Consiglio della Provincia di Viterbo;
  2. Supportiamo la richiesta di piena attuazione della Legge Regionale n. 5 del 2014 avanzata dai comitati per l’acqua pubblica;
  3. Proponiamo, in attesa dell’attuazione della suddetta legge regionale e in alternativa all’ingresso di soci privati, che si avvii l’iter per la trasformazione di Talete da Società per Azioni (quindi soggetto di diritto privato) in Azienda Speciale, possibilità prevista dall’art. 114 del Testo Unico degli Enti Locali. La trasformazione, oltre a riallineare la gestione dell’acqua con la volontà popolare, consentirebbe di aprire un dialogo con la Regione Lazio per il risanamento societario e ricevere contributi pubblici senza correre il rischio di essere sanzionati    dall’Unione    Europea,    che    vieta    aiuti    di    stato     alle      Detti contributi, da richiedere a tutti i livelli, da quello europeo a quello regionale, dovrebbero essere utilizzati anche per attuare gli interventi infrastrutturali necessari a una corretta gestione del Servizio  idrico integrato (ad  esempio il rinnovo della rete idrica, realizzazione di infrastrutture di depurazione per quei comuni ancora privi) che sarebbero impossibili da realizzarsi pensando di finanziarli con aumenti tariffari a carico dei cittadini.

FIRMATARI

1          Ugo PIERALLINI           Vicesindaco Comune di Bassano Romano

2          Mario MENGONI        Sindaco Comune di Ronciglione

3          Yuri CAVALIERI           Consigliere Comune di Civita Castellana

4          Maurizio ROMANI      Consigliere Comune di Civita Castellana

5          Roberto RANFONE     Assessore Comune di Gallese

6          Gianluca GREGORI     Consigliere Comune di Vallerano

7          Roberta DONATI         Assessora Comune di Bassano Romano

8          Valentina ZIBELLINI    Assessora Comune di Bassano Romano

9          Mauro MORONI         Consigliere Comune di Bassano Romano

10        Eros MARCHETTI        Consigliere Comune di Bassano Romano

11        Luigi QUAGLIA Consigliere Comune di Bassano Romano

12        Eleonora SACCONI      Consigliera Comune di Montalto di Castro

13        Valerio BIONDI           Consigliere Comune di Civita Castellana

14        Luigi DI MAURO          Vicesindaco Comune di Sutri

15        Barbara PANCINO       Consigliera Comune di Sutri

16        Dina GODDI    Consigliera Comune di Sutri

17        Filadelfio CORDIALI    Consigliere Comune di Sutri

18        Mauro PRESCIUTTI     Consigliere Comune di Vetralla

19        Massimo CHIODI        Vicesindaco Comune di Ronciglione

20        Ambra ORLANDI         Assessora Comune di Ronciglione

21        Manuela GIORGETTI  Assessora Comune di Ronciglione

22        Gianluca TRENTANI    Consigliere Comune di Ronciglione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui