l coprifuoco resta alle 22, la Lega si astiene in Cdm

62

Passa la linea Draghi. Salvini: “Non potevamo votare un decreto che continua a imporre chiusure, coprifuoco, limitazioni. Voteremo il prossimo decreto se prevederà il ritorno alla vita e al lavoro”

Scontro in Consiglio dei ministri sul decreto Covid. La Lega ha deciso di astenersi ritenendo il provvedimento troppo restrittivo. Il primo casus belli è rappresnetato dal coprifuoco che resta confermato alle 22, mentre il carroccio, facendosi forte anche del sostegno delle Regioni, aveva chiesto che slittasse di un’ora, alle 23.

Ma non è solo questo il punto che non è andato giù al Carroccio. Spiega Salvini: “La Lega chiede di dare fiducia agli italiani che hanno dimostrato per un anno pazienza e rispetto delle regole. Non potevamo votare un decreto che continua a imporre chiusure, coprifuoco, limitazioni. I dati sanitari fortunatamente sono in netto miglioramento, negli ultimi giorni sono migliaia i letti di ospedale che si sono liberati. Con rigidi protocolli di sicurezza, con prudenza e mantenendo le distanze, si può anzi si deve tornare a vivere e lavorare al chiuso e all’aperto”.

Il leader della Lega avverte: “Voteremo il prossimo decreto se insieme al piano vaccinale e alla tutela della salute prevederà il ritorno alla vita e il ritorno al lavoro”.

Dure critiche a Salvini da parte del vicesegretario del Pd, Peppe Provenzano: “Una prova di irresponsabilità della Lega in Cdm. Questa linea ondivaga mette in difficoltà Draghi e l’intero Governo. Matteo Salvini ha problemi nei sondaggi e di competizione per la leadership con Meloni. Sta giocando una partita sua, ma lo fa sulla pelle degli italiani”.

(Agi)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui