“Io, corpo estraneo nel mio ministero”. La verità di Sileri sul piano pandemico

83

Agli atti dell’inchiesta di Bergamo ci sono due mail da cui si evince che a Sileri nell’aprile del 2020 venne detto che il Piano era stato aggiornato. In un’intervista all’AGI spiega perché non si accorse che non era vero  

Viceministro Pierpaolo Sileri, agli atti dell’inchiesta di Bergamo ci sono due mail lette dall’AGI, datate 15 e 21 aprile 2020, in cui il direttore dell’Ufficio Malattie trasmissibili del Ministero, Francesco Paolo Maraglino, risponde ad alcune sue richieste di precisazioni scrivendo che il Piano pandemico “è stato emanato nel 2006 ed è stato aggiornato con  specifici documenti inerenti la pandemia influenzale da A/H1N1 nel 2009-2010 (la cosiddetta suina, ndr). E’ tuttora vigente”. Non si è accorto che il piano non era aggiornato?
“Maraglino mi risponde dopo molte telefonate in cui gli chiedevo di mandarmi il Piano. Io a quel punto ho un documento ufficiale della direzione generale che mi dice che il piano è stato rinnovato nel 2009. Ma ho bisogno di sapere cos’altro è stato fatto, da medico annuso che c’è qualcosa che non va proprio riflettendo sull’esistenza, di cui non ho contezza, del Comitato nazionale pandemico citato nel Piano, una sorta di ‘testa’ che avrebbe dovuto coordinare tutte le attività pre-pandemiche. Nel frattempo viene da me Claudio D’Amario (direttore della Prevenzione del ministero da febbraio 2018 a gennaio 2020, ndr) e mi dice che sono state fatte riunioni, gruppi di lavoro interministeriali, esercitazioni e gli chiedo di fornirmi delle prove documentali di queste attività. D’Amario va oltre il 2009 e mi dice che il Piano è stato rinnovato al 2016 e che è pronto anche il nuovo. A maggio 2020 inoltre altre mail in cui chiedo ulteriori prove dell’aggiornamento. Nessuna risposta”.

Quando scopre che il Piano, come ormai acclarato anche dagli accertamenti della Procura, era ‘fermo’ al 2006?
“Vengo a sapere dai giornalisti del programma ‘Report’ che il piano è del 2006 e non è stato più aggiornato e integrato, come mi era stato detto da Maraglino, con i documenti del 2009. Le dico la verità: dal 2010 a oggi io non so cosa è stato fatto anche se l’ho chiesto e richiesto. So che a metà maggio mi è poi arrivata la bozza del nuovo piano attuale”.

Nella mail di metà aprile Maraglino fa riferimento anche a un “piano che mi risulta secretato e da valutare se parlarne, ma è molto importante”. A cosa si riferisce?
“Questa è un’espressione che mi ha fatto arrabbiare. Le sembra possibile che si scriva una frase così a un viceministro? Scusate, ma di che piano stiamo parlando?. E’ la testimonianza che nemmeno questo mi hanno detto. Io vengo a sapere quel giorno che c’è un piano di cui non sapevo nulla. Sono le proiezioni dello studio Merler o è un piano anti-Covid?. Io ancora non l’ho capito.

Lei è viceministro dal 2019. Prima dello scoppio della pandemia si era mai parlato del Piano al Ministero?
“Il ministero lavora a tanti dossier e protocolli, quando devono essere rinnovati viene fatto un appunto per il ministro, il vice o un sottosegretario con deleghe specifiche. Abbiamo trovato solo due appunti indirizzati agli allora ministri Lorenzin e Grillo a firma Guerra e D’Amario. Nel febbraio del 2020 in più riunioni della task force si parlò  del piano pandemico. Io peraltro ho avuto le deleghe solo il 25 agosto del 2020, dopo essere stato nominato viceministro nel settembre 2019, il che significa un potere in quella fase molto più limitato”.

Dal suo racconto sembra che lei fosse un “corpo estraneo” nel suo ministero. Perché non si è dimesso quando se n’è accorto o non ha denunciato quello che stava accadendo?
“Mi sono fidato di ciò che mi hanno detto alcune ‘mele marce’, non nella parte politica ma in quella ‘tecnica’ e ho denunciato pubblicamente che il Piano era del 2006 appena l’ho scoperto. Lo stesso Guerra continuava a dire che il piano era del 2016 e verbalmente questo si sentiva dire nel ministero. Ho chiesto pubblicamente anche la testa del segretario generale. I documenti che erano sul sito parlavano di piano aggiornato al 2016 e, se a me e al ministro si dice che il piano era del 2016, per noi è del 2016. Ranieri Guerra quando se ne andò all’Oms mi disse che c’era un piano pronto. Una volta andato, mi ha chiesto di aiutarlo a capire se ci fosse questo Piano perché, una volta andato, non aveva più accesso ai documenti”.

E dov’era alla fine questo Piano?
“Va chiesto ai singoli, Ruocco (segretario generale del ministero, ndr), D’Amario e lo stesso Guerra. Io e il ministro Speranza abbiamo trovato quello che abbiamo trovato”.

(Agi)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui