Meloni peggio di Bolsonaro: “Le limitazioni non servono a contrastare il Covid”

107

La leader di Fratelli d’Italia continua la campagna contro il ministro Speranza e per lanciare la sua campagna usa motivazioni assurde

 

La pandemia non frena di certo Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, il quale partito è l’unico all’opposizione del governo Draghi.
Meloni continua a martellare il ministro Speranza chiedendo le sue dimissioni con una mozione di sfiducia presentata alla Camera e continua a fare polemica sulle restrizioni nonostante ci siano 400 morti al giorno.
Fdi critica compatto anche le misure restrittive, convenendo che queste non hanno nulla a che fare con il controllo della pandemia, insomma le stesse parole utilizzate da Trump e Bolsonaro.
”L’élite di sinistra si mobilita e firma un appello in difesa del Ministro Speranza. Dimostriamo loro che il popolo, quello reale e che più ha pagato per questa gestione della pandemia, è stufo di continuare a subire inutili limitazioni delle libertà personali che nulla hanno a che fare col contrasto al Covid.
Aiutateci firmando la nostra petizione in sostegno alla mozione di sfiducia”.
Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, aggiungendo il link dove è possibile sottoscrivere la petizione: www.sfiduciamosperanza.it.

(Globalist)

2 Commenti

  1. Mi sembra il minimo richiedere la rimozione di speranza visto che non ha la dignità di farlo da solo alla luce delle ultime notizie riguardo i report tra Guerra, Brusaferro,Zaccardi e lo stesso
    Speranza. Non vi dicono niente le esternazioni del dottor Zambon il quale coraggiosamente non si è fatto condizionare e con documentazioni inconfutabile ha scoperchiato tutto?
    E perchè nonostante le prove documentate e acclarate dell’esito positivo delle cure preventive domiciliari si continua con il protocollo “tachipirina e vigile attesa” che ha gia’ procurato parecchie morti, non prova un po’ di vergogna?

    domiciliari sul covid si continua aleggere

    • Ognuno è libero di pensare ciò che crede, analizzando i fatti e interpretandoli secondo i propri criteri; molti pensano che la destra populista dopo aver ingoiato la continuità della politica sulla sanità di questo governo rispetto al precedente, non potendo tuonare contro il Primo Ministro se la prende con Speranza; e pensano che Speranza sia stato semplicemente bravissimo nel saper gestire una situazione sconosciuta, ascoltando tutti, prendendo decisioni poi imitate da tutto il mondo (tranne alcuni campioni come Bolsonaro e Trump), adottando una strategia che ora consente di guardare con ottimismo al futuro prossimo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui